Sistemazione stradale Terminillo Leonessa

Passa la Gran Fondo Terminillo Marathon: lavori sulla SP 10 Turistica
Agli sgoccioli i lavori di manutenzione della SP 10 Turistica, per i quali l’Amministrazione provinciale si è adoperata al fine di garantire la Gran Fondo Terminillo Marathon IV edizione. Alle operazioni di sgombero neve, che hanno consentito il passaggio Terminillo-Altopiano leonessano, sono seguite, in questi giorni, quelle di ripristino del manto stradale, a garanzia della sicurezza dei circa mille ciclisti iscritti all’evento.

Passa la Gran Fondo Terminillo Marathon: lavori sulla SP 10 Turistica
Agli sgoccioli i lavori di manutenzione della SP 10 Turistica, per i quali l’Amministrazione provinciale si è adoperata al fine di garantire la Gran Fondo Terminillo Marathon IV edizione. Alle operazioni di sgombero neve, che hanno consentito il passaggio Terminillo-Altopiano leonessano, sono seguite, in questi giorni, quelle di ripristino del manto stradale, a garanzia della sicurezza dei circa mille ciclisti iscritti all’evento. “L’intervento dell’amministrazione provinciale ha risposto pienamente – sostiene il consigliere Monaco – alle necessità del momento, ma si configura anche come dimostrazione di lungimiranza, volto non solo al successo della manifestazione previsto per il prossimo weekend, ma al più generale rilancio turistico del Terminillo. La sistemazione della SP 10 Turistica, per la quale fondamentale è stata la collaborazione del geometra di zona Mauro Savi e del dirigente  Sandro Orlando – conclude Monaco – è ulteriore stimolo per la crescita dell’indotto legato alla nostra montagna”.

55esima Coppa Carotti

55esima Coppa Carotti dal 13 al 15 luglio 2018, l’arrivo torna a Pian de Valli

L’estate 2018 vedrà sul Monte Terminillo il ritorno della Coppa Bruno Carotti, con una novità. Quest’anno l’arrivo sarà di nuovo a Pian de Valli.

55esima Coppa Carotti dal 13 al 15 luglio 2018, l’arrivo torna a Pian de Valli

L’estate 2018 vedrà sul Monte Terminillo il ritorno della Coppa Bruno Carotti, con una novità. Quest’anno l’arrivo sarà di nuovo a Pian de Valli.

Dal 13 al 15 luglio la 55esima edizione della Rieti-Terminillo tornerà a far correre le due manches di prova e un’unica di gara dalla colonnina di Lisciano fino al piazzale di Pian de Valli, parco chiuso dei bolidi di gara.
Anche quest’anno la Coppa Carotti sarà valida per il Trofeo Italiano Velocità Montagna – memoria  lFranco Allegri e Trofeo Auto Storicche – Memorial Georg Plasa.

 

 

Torna il 3 giugno la Terminillo Marathon

Torna il 3 giugno la Terminillo Marathon
Dall’Italia e dall’Europa per la corsa che attraversa la montagna e le terre del sisma
È stata presentata nella Sala Giunta di Palazzo d’Oltre Velino la IV edizione della Gran Fondo Terminillo Marathon, l’evento ciclistico organizzato dalla media company H4F Sport, in programma per il prossimo 3 giugno con l’allestimento di un villaggio expo, multifunzionale, già da sabato 2 giugno. La manifestazione nel corso degli anni ha ottenuto sempre maggiori presenze e riscosso l’alto gradimento da parte del pubblico e dei partecipanti.
Di grande successo la passata stagione con oltre 1100 iscritti.

Torna il 3 giugno la Terminillo Marathon
Dall’Italia e dall’Europa per la corsa che attraversa la montagna e le terre del sisma
È stata presentata nella Sala Giunta di Palazzo d’Oltre Velino la IV edizione della Gran Fondo Terminillo Marathon, l’evento ciclistico organizzato dalla media company H4F Sport, in programma per il prossimo 3 giugno con l’allestimento di un villaggio expo, multifunzionale, già da sabato 2 giugno. La manifestazione nel corso degli anni ha ottenuto sempre maggiori presenze e riscosso l’alto gradimento da parte del pubblico e dei partecipanti.
Di grande successo la passata stagione con oltre 1100 iscritti. Con i saluti dell’assessore allo Sport dell’Amministrazione provinciale, Matteo Monaco si è aperta la conferenza stampa di presentazione dell’evento sul quale punta molto anche la Provincia, Ente che ha messo in sicurezza le strade, ripulendo anche la Vallonina che si presenta ai ciclisti piena di neve. A mettere in campo i mezzi necessari per garantire la percorribilità del circuito, anche il Comune di Leonessa. Presente alla conferenza l’Assessore al Turismo del Comune di Rieti, Daniele Sinibaldi che dopo aver ringraziato la Provincia per l’impegno profuso, ha ribadito la totale sinergia tra gli Enti per un obiettivo comune che è il rilancio della montagna del Terminillo.
L’assessore ha ringraziato poi gli organizzatori per la manifestazione che indubbiamente ha portato effetti positivi sul territorio in termini di turismo sportivo. A completare l’intervento del Comune di Rieti, le parole del consigliere Roberto Donati che ha ribadito l’importanza dello sport, come chiave di sviluppo della provincia. Ha ricordato ai presenti che Rieti si è candidata ad essere Città europea dello sport.
A confermare i vantaggi del turismo sportivo, il Presidente di Federalberghi, Michele Casadei che anche in veste di operatore del Terminillo, ha plaudito l’iniziativa e l’intuizione degli organizzatori di scegliere la strada panoramica della Vallonina che offre uno scenario unico per i ciclisti. Il Presidente ha poi comunicato una serie di iniziative già intraprese per accogliere efficacemente i ciclisti; da prezzi omogenei tra tutte le strutture, agevolazioni economiche, elasticità di orari per le esigenze degli atleti. A confermare l’intesa creatasi tra gli Enti e i Comuni di diverso colore politico che hanno sostenuto la manifestazione, Casadei ha detto che «Terminillo è stato capace di unire ciò che la politica divide».
Il Coni, rappresentato da Carlo Frutti in rappresentanza di Luciano Pistolesi a Roma per impegni istituzionali, e in veste di Presidente provinciale della Federazione Ciclistica Italiana si è allineato perfettamente al clima sinergico creatosi intorno alla Terminillo Marathon, organizzando nei giorni della manifestazione, il convegno per la Giornata nazionale dello Sport, in collaborazione con il CAI. A chiudere la conferenza uno degli organizzatori della Hf4Sport, Paolo Ferri che ha dichiarato che la Corsa, per i numeri rilevati, è diventata la più importante manifestazione del Centro Sud.
«È anche un’opportunità di lavoro, abbiamo scelto aziende reatine per il catering, sicurezza, allestimento – sottolinea Ferri che ringrazia le Istituzioni, i sindaci, i volontari e i collaboratori che hanno creduto in questo progetto di promozione concreta del territorio».
In questa terza edizione anche sponsor importanti, nazionali e territoriali. (www.terminillomarathon.com) Nel 2018, la corsa è valida come Campionato regionale Lazio Grand Fondo e Medio Fondo, un riconoscimento significativo per il lavoro svolto dalla società H4F Sport che ha realizzato un ricco calendario di appuntamenti che durante l’anno porteranno molti cicloturisti a scoprire e vivere le nostre terre.
Al termine della conferenza, alla presenza della Dirigente scolastica Stefania Santarelli, gli studenti del Liceo Scientifico Jucci hanno presentato la Lyceum Cup, un campionato tra tutti i licei reatini organizzato dai ragazzi del progetto scolastico Jucci TeamSportEvent. L’evento si svolgerà al Parco Coriandolo dal 5 al 7 giugno. Ogni scuola, per partecipare, dovrà presentare una squadra per ogni sport (10 giocatori per il calcetto, 5 per il basket e altrettanti per il beach volley).

TERMINILLO MARATHON ALKA

TERMINILLO MARATHON ALKA, ECCO I PERCORSI
Due bellissimi tracciati con partenza e arrivo a Pian de Valli per sfidare la montagna dei romani
Domenica 3 giugno il Monte Terminillo si prepara a vivere una grande giornata di festa: la Terminillo Marathon Alka, evento organizzato dalla H4F Sport, riempirà di colore per ben due giorni la montagna dei romani, in quanto non ci sarà solo la gara amatoriale della domenica – valevole anche come campionato regionale FCI Lazio – ma tantissime saranno anche le attività alternative.

TERMINILLO MARATHON ALKA, ECCO I PERCORSI
Due bellissimi tracciati con partenza e arrivo a Pian de Valli per sfidare la montagna dei romani
Domenica 3 giugno il Monte Terminillo si prepara a vivere una grande giornata di festa: la Terminillo Marathon Alka, evento organizzato dalla H4F Sport, riempirà di colore per ben due giorni la montagna dei romani, in quanto non ci sarà solo la gara amatoriale della domenica – valevole anche come campionato regionale FCI Lazio – ma tantissime saranno anche le attività alternative.

Molto belli e ricchi di significato sono i percorsi, soprattutto perchè la Terminillo Marathon Alka toccherà alcuni dei territori che sono stati vittima del sisma che ha colpito l’Italia centrale nel 2016. “Con la nostra gara vogliamo portare un messaggio di speranza – afferma Paolo Ferri, presidente del comitato organizzatore – quindi abbiamo apportato delle modifiche ai tracciati proprio per essere materialmente vicini alle popolazioni colpite dal terremoto. La città di Rieti è geograficamente molto vicina a quelle zone, e lo siamo anche con il cuore”.
Partenza e arrivo sono fissati in quota: subito dopo la partenza, i corridori arriveranno in cima al Terminillo, in località Campoforogna, sede di arrivo delle tappe della Tirreno-Adriatico, quindi ci sarà una vera e propria partenza in salita. Ma non c’è da preoccuparsi: la lunga discesa permetterà di recuperare energie prima di affrontare lo strappo di Albaneto, salita che precede quella di Cittareale. Per ciò che riguarda il percorso medio, siamo a metà gara: da lì si arriverà a Leonessa per scalare il Terminillo, con l’arrivo posto dopo una leggera discesa a Pian de Valli. Il percorso medio misura 108 km per 2266 metri di dislivello.
Il tracciato lungo prevede la prima parte come il medio, ma dopo Cittareale ci sarà la divisione dei percorsi: i corridori affronteranno una discesa al confine tra Lazio e Umbria, e sullo sfondo sarà possibile ammirare Cascia. Subito dopo, inizia una salita di circa 10 Km che finisce nei pressi dell’abitato di Villa San Silvestro, poi a Terzone ci si ricongiungerà con il percorso medio per scalare il Terminillo. Il tracciato lungo misura 128 km per 2728 metri di dislivello.
Ogni ulteriore informazione sulla gara è disponibile su https://www.terminillomarathon.com

 

Ultima stagione gestita da Pietro Ratti

Rifugio Rinaldi: ultima stagione gestita da Pietro Ratti, il Cai pubblica bando per successore
L’intitolazione al vescovo Massimo Rinaldi del Rifugio del Cai
RIETI – Ultima stagione al rifugio “Rinaldi” per Pietro Ratti, alpinista e montanaro reatino tra i più stimati: da giugno a settembre sarà ancora lui a tenere aperta la struttura che svetta sul Monte Terminilletto, a 2.108 metri, intitolata al vescovo Massimo Rinaldi, la più alta e dura da raggiungere del comprensorio, ma poi passerà la mano.

Rifugio Rinaldi: ultima stagione gestita da Pietro Ratti, il Cai pubblica bando per successore
L’intitolazione al vescovo Massimo Rinaldi del Rifugio del Cai
RIETI – Ultima stagione al rifugio “Rinaldi” per Pietro Ratti, alpinista e montanaro reatino tra i più stimati: da giugno a settembre sarà ancora lui a tenere aperta la struttura che svetta sul Monte Terminilletto, a 2.108 metri, intitolata al vescovo Massimo Rinaldi, la più alta e dura da raggiungere del comprensorio, ma poi passerà la mano. Per questo il Cai di Rieti ha pubblicato un bando per individuare un nuovo gestore. Fuori uso da anni la seggiovia Rialto, il rifugio si raggiunge solo a piedi partendo da Campoforogna (a 1675 metri) e salendo seguendo il sentiero 401. Il bando prevede l’affidamento per tre anni, garantendo un periodo di apertura minimo di 180 giorni l’anno, tra giugno e settembre e a dicembre e gennaio. Per partecipare c’è tempo fino al 31 maggio. Astenersi pigroni e compagnoni…
di Alessandra Lancia

Festival della Montagna

Tutti insieme per il Festival della montagna. Si parte
Il festival della Montagna mette tutti d’accordo per il bene del territorio e, in particolare, del Terminillo. Un’iniziativa che vede il coinvolgimento di alcuni Comuni del cratere ai quali la Regione, tramite Fondo unico per lo spettacolo, ha messo disposizione risorse per la realizzazione di spettacoli per l’estate.

Tutti insieme per il Festival della montagna. Si parte
Il festival della Montagna mette tutti d’accordo per il bene del territorio e, in particolare, del Terminillo. Un’iniziativa che vede il coinvolgimento di alcuni Comuni del cratere ai quali la Regione, tramite Fondo unico per lo spettacolo, ha messo disposizione risorse per la realizzazione di spettacoli per l’estate. Gli amministratori, accogliendo la proposta del sindaco di Micigliano, Emiliano Salvati, hanno però deciso di rinunciare al singolo finanziamento spettante loro e quindi alla possibilità di organizzare eventi che avrebbero interessato solo il proprio territorio, mettendo insieme forze e soldi. Si è arrivati così a 230 mila euro (di cui 120 destinati agli appuntamenti a Terminillo il 15, 16 e 17 giugno) e ad un accordo che vede un lavoro sinergico tra Rieti, Micigliano, Cantalice (Leonessa non è presente poiché aveva già programmato da tempo la propria stagione culturale) e Cittaducale il cui sindaco, Leonardo Ranalli, ha deciso di partecipare pur non facendo parte del Consorzio “Smile”, “mettendo da parte ogni schieramento politico – ha detto -, che spesso è una barriera, e lavorando tutti per il territorio”.  “Mettere insieme le forze è l’unica strada da percorrere – ha sottolineato l’assessore alla cultura del Comune di Rieti, Gianfranco Formichetti – se vogliamo davvero risorgere”. Presenti alla conferenza di presentazione gli assessori Daniele Sinibaldi e Formichetti; il sindaco di Cittaducale; di Cantalice, Silvia Boccini, e di Micigliano, Salvati, che hanno ribadito la volontà di dare visibilità globale e centralità al territorio in generale, e soprattutto al Terminillo. “Sono anni che non si vede al Terminillo qualcosa di così prestigioso dal punto di vista culturale”, ha evidenziato Sinibaldi. Il programma si apre domani, alle 11, al teatro Vespasiano, con “Italian Brass Band – Ciak in brass” e durerà fino al 17 giugno; altri sei spettacoli, dell’Arteam Jobel Teatro, si terranno tra Rieti, Cantalice, Cittaducale e Micigliano. Il clou a Terminillo, il 16 giugno, con un concerto di artisti del panorama nazionale. Al festival è stata garantita la biennalità.
Ilaria Faraone

Festival della Montagna

Turismo e cultura a Terminillo, presentazione del “Festival della Montagna”

Domani, giovedì 10 maggio alle 11, nella sala consiliare del Comune di Rieti, si terrà la conferenza stampa di presentazione del “Festival della Montagna”. Partecipano gli assessori del Comune di Rieti, Daniele Sinibaldi e Gianfranco Formichetti, il sindaco di Cittaducale, Leonardo Ranalli, il sindaco di Cantalice, Silvia Boccini e il sindaco di Micigliano, Emiliano Salvati.

Turismo e cultura a Terminillo, presentazione del “Festival della Montagna”

Domani, giovedì 10 maggio alle 11, nella sala consiliare del Comune di Rieti, si terrà la conferenza stampa di presentazione del “Festival della Montagna”. Partecipano gli assessori del Comune di Rieti, Daniele Sinibaldi e Gianfranco Formichetti, il sindaco di Cittaducale, Leonardo Ranalli, il sindaco di Cantalice, Silvia Boccini e il sindaco di Micigliano, Emiliano Salvati.

 

La manifestazione, inserita nello schema di Accordo di programma Mibact-Regione Lazio per i progetti di attività culturali nei territori interessati dagli eventi sismici, prevede una serie di iniziative a Rieti e Terminillo, a fronte di un protocollo di intesa tra i quattro Comuni del comprensorio montano che hanno deciso di indirizzare le azioni e le risorse stanziate sulla promozione della montagna reatina.
Il progetto prevede concerti ed eventi culturali che partiranno già nei prossimi giorni e proseguiranno fino a giugno con una serata finale sul Terminillo, nella consapevolezza, ormai diffusa, che il rilancio della montagna rappresenta un traino per lo sviluppo dell’intero territorio.

Progetto: la svolta che si aspettava

Progetto di rilancio del Terminillo, la svolta che si aspettava
Per il progetto del Terminillo la svolta che si aspettava. Dopo anni di tentativi a vuoto e scontri tra ambientalisti e Comuni, ieri a Roma si è tenuta una riunione tecnico/politica che potrebbe aver tracciato la strada per la definitiva approvazione del progetto che punta all’ammodernamento degli impianti sciistici esistenti e alla costruzione di nuovi, a partire dal collegamento tra i due versanti della montagna. A mettere tutti gli attori politici intorno a un tavolo è stato il presidente della Regione, Nicola Zingaretti, che ha ricevuto a Roma i Comuni del comprensorio – Rieti, Leonessa, Micigliano e Cantalice –, l’amministrazione provinciale e alcuni tecnici.

Progetto di rilancio del Terminillo, la svolta che si aspettava
Per il progetto del Terminillo la svolta che si aspettava. Dopo anni di tentativi a vuoto e scontri tra ambientalisti e Comuni, ieri a Roma si è tenuta una riunione tecnico/politica che potrebbe aver tracciato la strada per la definitiva approvazione del progetto che punta all’ammodernamento degli impianti sciistici esistenti e alla costruzione di nuovi, a partire dal collegamento tra i due versanti della montagna. A mettere tutti gli attori politici intorno a un tavolo è stato il presidente della Regione, Nicola Zingaretti, che ha ricevuto a Roma i Comuni del comprensorio – Rieti, Leonessa, Micigliano e Cantalice –, l’amministrazione provinciale e alcuni tecnici.

Da tempo il progetto di riqualificazione del Terminillo aveva ottenuto in Regione 23 dei 24 pareri necessari per il via libera, infrangendosi però sull’ultimo ostacolo, la valutazione di incidenza ambientale. Per il settore ambiente della Regione, infatti, quella versione del progetto non rispettava le Zone di tutela speciale e i Siti di interesse comunitario esistenti sulla ‘montagna di Roma’, individuati dalla Comunità europea. Per un paio di anni sono andate avanti trattative informali tra gli Enti per capire come sbloccare la partita e non sono mancate feroci polemiche. L’ultima voce filtrata dalla Pisana nei mesi scorsi sembrava una sorta di mossa della disperazione, con l’ipotesi di ricorso alla UE per ottenere le deroghe necessarie. Ieri invece la svolta con le istituzioni compatte nel voler vitare questa strada – che avrebbe richiesto tempi biblici – e unite nell’individuare un percorso che vedrà la Provincia di Rieti, su delega dei quattro Comuni, ripresentare una nuova versione del progetto entro due settimane, emendata degli aspetti ambientali più critici e in grado, quindi, di ottenere tutti i pareri necessari.  “Sono molto soddisfatto – ha commentato il sindaco di Leonessa e neo deputato di FdI, Paolo Trancassini – Oggi siamo pronti a protocollare un nuovo progetto che farà chiarezza su molti aspetti. Innanzitutto farà capire che non esiste uno scontro tra chi tutela l’ambiente e chi vuole devastarlo e, al contempo, manterrà tutte le caratteristiche principali del nostro sogno, a partire dallo scavalco tra i due versanti. Per la prima volta è stato fatto un passo avanti decisivo. Zingaretti ha condiviso la necessità di rilanciare economicamente quest’area anche per risollevarci dal terremoto. Eravamo contrari alla linea del ricorso all’Ue e abbiamo fatto tutti un buon lavoro”. All’incontro, oltre a Zingaretti e Trancassini, erano presenti il vicesindaco di Rieti, Daniele Sinibaldi, i sindaci di Micigliano e Cantalice, Emiliano Salvati e Silvia Boccini, il presidente della Provincia, Giuseppe Rinaldi, e l’assessore regionale Mauro Alessandri.

Marco Fuggetta