È morto Luigi Rossi

È morto Luigi Rossi, storico maestro di sci al Terminillo
Un’altra figura storica del Terminillo, dopo la recente scomparsa di Livio Zamboni, ha lasciato la vita terrena. Si è spento ieri, all’età di 89 anni, Luigi Rossi, storico maestro di sci, già fondatore, Direttore della Scuola Sci Terminillo e proprietario dell’ex Hotel Cavallino Bianco.

È morto Luigi Rossi, storico maestro di sci al Terminillo
Un’altra figura storica del Terminillo, dopo la recente scomparsa di Livio Zamboni, ha lasciato la vita terrena. Si è spento ieri, all’età di 89 anni, Luigi Rossi, storico maestro di sci, già fondatore, Direttore della Scuola Sci Terminillo e proprietario dell’ex Hotel Cavallino Bianco.

“Ci ha lasciato un’altra figura storica della nostra montagna – dichiara il consigliere con delega al Terminillo, Simone Munalli -, Luigi era molto conosciuto e come Zamboni era una figura di riferimento per il Terminillo. Lo ricorderemo per il suo impegno, come maestro di sci e imprenditore”.

 

Prima neve della stagione

Rieti, prima neve della stagione al Terminillo
Primi fiocchi di neve dell’anno al Terminillo. Sono iniziati a cadere poco dopo le 3 della notte appena trascorsa. Un assaggio, con diversi centimetri, fino a 5, a quote intermedie,

Rieti, prima neve della stagione al Terminillo
Primi fiocchi di neve dell’anno al Terminillo. Sono iniziati a cadere poco dopo le 3 della notte appena trascorsa. Un assaggio, con diversi centimetri, fino a 5, a quote intermedie, che segna la prima neve della stagione autunnale 2015.

L’affidamento a Pignatelli un errore formale

Trancassini: l’onestà non va declamata, ma semplicemente praticata
«L’affidamento a Pignatelli un errore formale, non sostanziale» dice il sindaco di Leonessa
È di queste ore la contestazione al Comune di Leonessa da parte dell’Autorità anticorruzione per aver affidato l’incarico della progettazione della seggiovia di Campostella senza una procedura di evidenza pubblica. Sotto la lente d’ingrandimento dell’ANAC anche il frazionamento dei servizi di ingegneria evitando le procedure previste quando l’importo dei lavori supera la soglia comunitaria di 40mila euro.

Trancassini: l’onestà non va declamata, ma semplicemente praticata
«L’affidamento a Pignatelli un errore formale, non sostanziale» dice il sindaco di Leonessa
È di queste ore la contestazione al Comune di Leonessa da parte dell’Autorità anticorruzione per aver affidato l’incarico della progettazione della seggiovia di Campostella senza una procedura di evidenza pubblica. Sotto la lente d’ingrandimento dell’ANAC anche il frazionamento dei servizi di ingegneria evitando le procedure previste quando l’importo dei lavori supera la soglia comunitaria di 40mila euro. Alle accuse il sindaco di Leonessa Paolo Trancassini risponde con alcune precisazioni: «Innanzitutto TSM – Terminillo Stazione Montana – con questa storia non c’entra nulla. Questa contestazione è relativa all’affidamento della progettazione della quadriposto di Campostella, per il quale l’evidenza pubblica c’è stata per il preliminare e non per il definitivo. Un errore formale, non sostanziale, perché ho incaricato uno dei pochissimi progettisti iscritti nell’elenco speciale, il quale non solo ha richiesto un importo al di sotto delle tariffe attualmente vigenti, ma seguendo la vicenda Leonessa – Terminillo è punto di riferimento dell’intero comprensorio da anni e da anni è il Direttore d’Esercizio dell’impianto di Campo Stella svolgendo tale attività gratuitamente».
«Sono molto sereno – aggiunge Trancassini nel post sul proprio profilo Facebook – perché anche in questa vicenda, come sempre, abbiamo fatto gli interessi del Comune. Per ultimo ricordo a chi questa mattina sogghigna dietro la tastiera che l’onestà non va declamata, esaltata, sbandierata, ma va semplicemente praticata e quest’anno io, Lei (l’onestà) ed i miei collaboratori abbiamo festeggiato 25 anni di amministrazione nei quali abbiamo sempre lavorato insieme».

Rieti, Terminillo: giallo su Stazione Montana

Rieti, Terminillo: giallo su Stazione Montana
di Alessandra Lancia
RIETI – Terminillo stazione montana, è buio pesto sul reale stato del progetto – profondamente «alleggerito» come scrive l’architetto Fabio Orlandi o «vivo e vegeto più che mai», come lascia intendere Paolo Trancassini – e il dibattito tra favorevoli e contrari infuria. Venerdì, all’assemblea di Rieti Virtuosa, si è però riusciti a tenere seduti nella stessa sala i supporters di Tsm arrivati da Terminillo, Leonessa e Cantalice e gli ambientalisti di Cai, Wwf, Federtrek e della stessa Rieti Virtuosa.

Rieti, Terminillo: giallo su Stazione Montana
di Alessandra Lancia
RIETI – Terminillo stazione montana, è buio pesto sul reale stato del progetto – profondamente «alleggerito» come scrive l’architetto Fabio Orlandi o «vivo e vegeto più che mai», come lascia intendere Paolo Trancassini – e il dibattito tra favorevoli e contrari infuria. Venerdì, all’assemblea di Rieti Virtuosa, si è però riusciti a tenere seduti nella stessa sala i supporters di Tsm arrivati da Terminillo, Leonessa e Cantalice e gli ambientalisti di Cai, Wwf, Federtrek e della stessa Rieti Virtuosa. Peccato non ci fosse nessuno della Provincia che chiarisse cosa di quel progetto si è deciso di tenere e cosa di tagliare per ottenere i via libera dalla Regione. Importante era anche la posizione della Regione ma Fabio Refrigeri ha ritenuto di non dover partecipare per non venir meno al ruolo super partes del suo assessorato.
LA REGIONE
C’era però il consigliere Daniele Mitolo, intervento subito dopo la dura «requisitoria» di Giampiero Cammerini (Wwf Lazio) sul reale grado di attrattività di Tsm e sull’inopportunità di un investimento (anche pubblico) di 60 milioni di euro. «L’investimento previsto è pubblico per 26 milioni di euro e privato per il resto – ha detto Mitolo – i fondi pubblici verranno impiegati per migliorare le infrastrutture e comunque il progetto, al netto delle modifiche che si stanno studiando, non avrà un impatto sull’ambiente così negativo». Mitolo ha provato a rintuzzare anche l’attacco di Trancassini sul «disimpegno» del centrosinistra nelle fasi cruciali della conferenza dei servizi e che avrebbe portato all’impasse attuale. «Qualche sbavatura c’è stata – ha detto – ma da tutte e due le parti». E a quanto pare c’è la volontà anche del centrosinistra di «recuperare», cercando quella «compatibilità» tra sviluppo economico e tutela ambientale, tanto cara all’assessore Carlo Ubertini.
IL COMUNE
Anche da lui un piccolo mea culpa: «Ho parlato di consorzio Smile come di un consorzio interpaesano: se qualcuno se ne è offeso (e Trancassini & Co. se ne erano piccati e molto, ndr) me ne scuso». Ma poi ha tenuto il punto sul parco regionale quale «strumento di governo del futuro del Terminillo», da spingere in maniera «contestuale al progetto». Ipotesi che invece non piace ai sindaci del consorzio (in prima fila c’era anche Silvia Boccini di Cantalice), che parlano di parco ma ad impianti realizzati.
CAI E FEDERTREK
Da Fabio Desideri e Ines Millesimi la rivendicazione orgogliosa di quanto anche il Cai tenga allo sviluppo della montagna ma da tutt’altra prospettiva, essendo il filone super sky degli anni ’60 e ’70 ormai condannato non solo dal clima ma anche dal cambio di approccio della gente con la montagna. Da Alessandro Frezzi di Federtrek una efficace sintesi di quanto ci sia di buono anche nei «vincoli» europei, se letti alla luce delle misure del Por 2014-2020. Da Pablo de Paola la critica di fondo che Rieti Virtuosa muove da anni all’operazione: «Un piano intercomunale di sviluppo non doveva passare per questi canali: così si continuano a bruciare soldi e speranze in progetti che non portano a nulla». Forse.

Corsi di Sci al Terminillo

Lo Sci Club Vazia del Terminillo organizza sul Monte Terminillo per la Stagione 2015/16 gruppi Sci di discesa, fondo e SnowBoard con maestro ed accompagnatore.

Promozione Invernale 2015/16
“Abbonamento Stagionale Sci Club”
Costi e prevendita:
“Autunno” 180 € (entro il 15 di Novembre); “Inverno” 250 € (inizio corso); “Intero” 300 € (a stagione sciistica iniziata)

Lo Sci Club Vazia del Terminillo organizza sul Monte Terminillo per la Stagione 2015/16 gruppi Sci di discesa, fondo e SnowBoard con maestro ed accompagnatore.

Promozione Invernale 2015/16
“Abbonamento Stagionale Sci Club”
Costi e prevendita:
“Autunno” 180 € (entro il 15 di Novembre); “Inverno” 250 € (inizio corso); “Intero” 300 € (a stagione sciistica iniziata)

L’abbonamento prevede:
•    Tessera Sci Club
•    Assicurazione FISI
•    Possibilità di sciare in tutta la stagione con un gruppo di pari livello per 10 domeniche

L’attività sportiva si svolgerà esclusivamente al Terminillo con il supporto di Maestri, Allenatori e OSV per tutta la stagione invernale dal 8 dicembre.
Nel pacchetto sono previste 10 domeniche che possono essere scelte a vostro piacimento nella stagione. Ulteriori domeniche e/o altri giorni festivi o feriali dovranno essere concordati e la quota corrisposta in maniera “proporzionale” prima dell’inizio dell’attività.
L’obiettivo dei gruppi è quello di insegnare una corretta impostazione tecnica in un contesto di divertimento e di amicizia.
L’iniziativa è rivolta a tutti i soci bambini, ragazzi ed adulti.
I gruppi saranno suddivisi per livello tecnico ed età.
Il gruppo sarà attivato al raggiungimento di almeno 6 atleti.
Se per qualunque motivo il gruppo non si dovesse fare verranno restituiti tutti i soldi versati al netto del costo della tessera FISI.

Abbonamento

Oltre le 10 volte

costo tessera per 10 volte

Mattina

Pomeriggio

Prima di 1 novembre

180 €

15 €

10 €

Inizio stagione

250 €

20 €

13 €

Stagione iniziata

300 €

26 €

15 €

Per informazioni: Michele – 392 000 9749392 000 9749 , Carlo – 328 739 6883328 739 6883 , Stefano – 339 740 7499339 740 7499. info@sciclubvazia.com