Replica all’Articolo del 13 agosto

Oggetto: articolo sulla Capannaccia del Terminillo del 13/08/2015

Replichiamo l’invio del comunicato stampa (su carta intestata della società). Nel contempo chiariamo ulteriormente quanto è apparso nell’articolo del Corriere in data 13/08/ u.s. a proposito di quel ‘QUALCUNO” che nell’articolo ha parlato di “FALSI” proditoriamente attribuitici. Pertanto contestiamo quanto sconsideratamente affermato da parte del latore delle inopportune dichiarazioni:
1. l’offerta della controparte, ricevuta con lettera della Signora Munalli Pensabene è stata di canoni annui pari a 10.000 e non 12.000 come affermato nell’ articolo.
2. i così detti “pochi mesi di esercizio del locale”, dipendevano esclusivamente dal conduttore che d’estate eserciva solo dalla seconda decade di luglio e anticipava la chiusura nei primi giorni di settembre, quantunque la stagione proseguisse. D’inverno invece, l’apertura avveniva nei primi giorni di dicembre e durava fino ai primi giorni di aprile;

Oggetto: articolo sulla Capannaccia del Terminillo del 13/08/2015

Replichiamo l’invio del comunicato stampa (su carta intestata della società). Nel contempo chiariamo ulteriormente quanto è apparso nell’articolo del Corriere in data 13/08/ u.s. a proposito di quel ‘QUALCUNO” che nell’articolo ha parlato di “FALSI” proditoriamente attribuitici. Pertanto contestiamo quanto sconsideratamente affermato da parte del latore delle inopportune dichiarazioni:
1. l’offerta della controparte, ricevuta con lettera della Signora Munalli Pensabene è stata di canoni annui pari a 10.000 e non 12.000 come affermato nell’ articolo.
2. i così detti “pochi mesi di esercizio del locale”, dipendevano esclusivamente dal conduttore che d’estate eserciva solo dalla seconda decade di luglio e anticipava la chiusura nei primi giorni di settembre, quantunque la stagione proseguisse. D’inverno invece, l’apertura avveniva nei primi giorni di dicembre e durava fino ai primi giorni di aprile;

3. in quanto all’occupazione abusiva del terreno esterno, la motivazione addotta è veramente ridicola perché il terreno è di proprietà della società Funivia del Terminillo alla quale non fu richiesta autorizzazione all’occupazione;
4. per l’appartamento dato in comodato gratuito alla famiglia di Gioacchino Pensabene , è opportuno rammentare che fu abitato, sempre titolo gratuito, anche dopo il pensionamento del dipendente fino alla metà degli anni ’90, dove sono cresciuti fin da piccoli Gabriella e i suoi quattro fratelli insieme alla madre Cioni Angelina che fu la prima intestataria del contratto per la Capannaccia
5. Il terreno donato dalla società Funivia del Terminillo al capofamiglia (e dipendente) Gioacchino Pensabene, è nella realtà inserito nella lottizzazione del “Covemese” dove sono inserite le più belle ville del Terminillo, altroché “Terreno agricolo” ! E’ verità che il contratto risale al conte Ettore Manzolini che all’epoca era l’amministratore delegato “pro tempore” della società FUNMA DEL TERMINILLO la cui ragione sociale è ancora oggi in essere con i suoi 81 di attività (anno 1934 data della sua costituzione).

 

Ringraziando ci è gradita l’occasione per inviare i più cordiali saluti.

FLINIVIA DEL TERMINILLO SRL
VIA DEI GINEPRI n. 2
02100 MONTE TERMINILLO (RIETI)
C.F.: 00458500584 
P.I.:00564630572

IL SENTIERO PLANETARIO COMPIE GLI ANNI

IL SENTIERO PLANETARIO COMPIE GLI ANNI, EVENTO SABATO AL TERMINILLO
Sabato 29 agosto alle ore 10 presso il Palazzo del Turismo del Terminillo, si festeggerà il Sentiero Planetario,  il percorso naturalistico a tema astronomico che riproduce in scala  il Sistema solare, che con i suoi 8 km è il più lungo d’Europa.
I Presidenti della pro-loco del Terminillo Alessandro Micheli e del Club Alpino di Rieti Giuseppe Quadruccio, accenderanno le tradizionale candele dei bambini per portare simbolicamente la luce dal Sole al pianeta Terra:  luce che vince l’oscurità e porta ovunque la vita, espressione di speranza in un futuro che veda la pace e la comprensione tra i popoli.

IL SENTIERO PLANETARIO COMPIE GLI ANNI, EVENTO SABATO AL TERMINILLO
Sabato 29 agosto alle ore 10 presso il Palazzo del Turismo del Terminillo, si festeggerà il Sentiero Planetario,  il percorso naturalistico a tema astronomico che riproduce in scala  il Sistema solare, che con i suoi 8 km è il più lungo d’Europa.
I Presidenti della pro-loco del Terminillo Alessandro Micheli e del Club Alpino di Rieti Giuseppe Quadruccio, accenderanno le tradizionale candele dei bambini per portare simbolicamente la luce dal Sole al pianeta Terra:  luce che vince l’oscurità e porta ovunque la vita, espressione di speranza in un futuro che veda la pace e la comprensione tra i popoli. Il Sentiero Planetario del Terminillo riproduce infatti il “viaggio della luce”, dal Sole ai pianeti conosciuti e viene festeggiato tradizionalmente nel week-end più prossimo al 26 agosto, in corrispondenza dell’anniversario della prima dichiarazione dei diritti dell’uomo avvenuta il 26 agosto 1789 – luce per l’umanità dopo tanti secoli di buio.
Sarà presente Stefania Santarelli – Presidente dell’Associazione di promozione del Sentiero – che si occupa dei progetti di divulgazione a tema astronomico in collaborazione con le associazioni giovanili Interact e Rotaract Club Rieti.  Verrà ricordata la pittrice reatina Titty Saletti, recentemente scomparsa, che volle contribuire con le sue opere all’ideazione del percorso dello Zodiaco.
La manifestazione vede il patrocinio del Rotary Club Rieti, del Lions Club Rieti Varrone, della V° Comunità Montana del Montepiano reatino, dei Beni Civici di Vazia e di diversi enti locali e sarà arricchita quest’anno dalla gara podistica Walk of Life a favore di Telethon,  con la partecipazione dell’Atletica Studentesca CARIRI e della BNL Banca Nazionale del Lavoro. Verrà inoltre emesso un annullo filatelico speciale.

Prima ridate decoro al Terminillo

“Marcia su Roma per gli impianti? Prima ridate decoro al Terminillo”
“Prima di organizzare una marcia su Roma per sollecitare la Regione ad accelerare l’iter di autorizzazione del progetto Terminillo Stazione Montana, sarebbe il caso che molti di coloro che erano presenti all’incontro di domenica mattina organizzassero prima una bella passeggiata tra le strade neanche tanto periferiche dell’ex Montagna di Roma”. L’invito, rivolto a proprietari, operatori e amministratori con vena polemica, arriva da un gruppo di turisti rimasti a quanto pare delusi dallo stato in cui versa il Terminillo “non in un giorno qualsiasi dell’anno, ma nella settimana più importante dell’estate, quella di Ferragosto, importante tanto per i turisti quanto per chi ha un’attività commerciale in quota”.

“Marcia su Roma per gli impianti? Prima ridate decoro al Terminillo”
“Prima di organizzare una marcia su Roma per sollecitare la Regione ad accelerare l’iter di autorizzazione del progetto Terminillo Stazione Montana, sarebbe il caso che molti di coloro che erano presenti all’incontro di domenica mattina organizzassero prima una bella passeggiata tra le strade neanche tanto periferiche dell’ex Montagna di Roma”. L’invito, rivolto a proprietari, operatori e amministratori con vena polemica, arriva da un gruppo di turisti rimasti a quanto pare delusi dallo stato in cui versa il Terminillo “non in un giorno qualsiasi dell’anno, ma nella settimana più importante dell’estate, quella di Ferragosto, importante tanto per i turisti quanto per chi ha un’attività commerciale in quota”. “Abbiamo deciso di trascorrere qualche giorno al Terminillo anche per sfuggire alla morsa del caldo metropolitano – fanno sapere i turisti – ma l’entusiasmo iniziale si è trasformato in evidente delusione ma, sia chiaro, non per il paesaggio dei Monti Reatini che resta magnifico, quanto per lo stato di degrado in cui si trovano alcuni luoghi “strategici” della stazione montana. Ci riferiamo, tanto per cominciare, a quella meglio conosciuta come “Valletta” a Pian de’ Valli dove ormai da qualche anno, complici i lavori della piscina provinciale rimasta incompiuta e che si erge ormai a monumento dello spreco di denaro pubblico, è diventata il simbolo del degrado del Terminillo: cantiere mai finito, pericolose buche sulla strada segnalate con approssimazione e quel che resta di alcuni giochi che un tempo allietavano bimbi e adulti, avvolti da una vegetazione semitropicale. Per non parlare dei cassonetti della spazzatura rovesciati a terra, uno schifo! La situazione peggiora qualche centinaio di metri più a monte, nel piazzale dei Tre Faggi a ridosso dell’omonimo residence. “A fare bella vista – continuano i turisti – sono invece dei rifiuti ingombranti abbandonati da qualcuno”.

Richiesta di rettifica

Richiesta di rettifica ai sensi dell’articolo 8 della Legge n. 47 del 1948.
In merito all‘articolo pubblicato dal Corriere di Rieti in data 4 agosto 2015 e dal sito monteterminillo.net con il quale la Società Funivia del Terminillo ha formulato nei nostri confronti un addebito di ingratitudine, sulla base di circostanze non vere, ci teniamo a fare delle dovute precisazioni, richiedendo la rettifica di notizie non veritiere.

Richiesta di rettifica ai sensi dell’articolo 8 della Legge n. 47 del 1948.
In merito all‘articolo pubblicato dal Corriere di Rieti in data 4 agosto 2015 e dal sito monteterminillo.net con il quale la Società Funivia del Terminillo ha formulato nei nostri confronti un addebito di ingratitudine, sulla base di circostanze non vere, ci teniamo a fare delle dovute precisazioni, richiedendo la rettifica di notizie non veritiere. In primo luogo è da dire che non c’è mai stata da parte nostra un opposizione all’adeguamento del canone tanto che la nostra proposta di rinnovo contrattuale è stata di € 12.000 annui  € 1.000 mensili, e, calcolando che si trattava di un locale che potenzialmente può al massimo lavorare non più di  cinque mesi l’anno, ci sembra  un’offerta congrua, e comunque l’unica economicamente sostenibile.
In secondo luogo, per quanto riguarda l’occupazione dell’area esterna del locale, visto che siamo stati accusati di averla occupata abusivamente, ci teniamo a far presente che veniva occupata con regolare comunicazione al Comune di Rieti. E’ inoltre da rimarcare che uno dei soci della Società Funivia del Terminillo veniva spesso a pranzare proprio in quell’area, costui avrebbe potuto tranquillamente chiedere spiegazioni prima, anche se probabilmente all’epoca l’atteggiamento della Società Funivia nei confronti della nostra impresa e della nostra attività era diverso, nonostante il rapporto contrattuale fosse ancora regolato sulla base del vecchio canone.
In terzo luogo,  altra notizia falsa è quella che i sottoscritti avrebbero usufruito di un appartamento di 100 m quadri in comodato gratuito. In realtà, l’appartamento cui ha inteso riferirsi la Società Funivia del Terminillo era stato concesso in dotazione e quale alloggio di servizio ad un parente, ma del tutto estraneo con l’attività della “capannaccia” e che era dipendente della società funivia e quindi ne usufruiva come altri operai.
Infine, il comunicato stampa della Società è del tutto non veritiero nella parte in cui sostiene anche di averci donato un terreno edificabile in Terminillo via Bucaneve, cosa totalmente falsa, sotto ogni profilo, perché il terreno, all’epoca agricolo, è stato acquistato dalla famiglia Pensabene negli anni 60, dal sig. Manzolini allora proprietario della Società Funivia. E’ pertanto anche evidente che quand’anche il predetto terreno fosse stato donato, la donazione non sarebbe pervenuta certamente dall’attuale proprietà della Società Funivia del Terminillo, che pure si permette di rivendicare la gratitudine.
Risulta infine che la chiusura dell’attività della Capannaccia ha provocato un forte rammarico e rimpianto da parte dei turisti e utenti, i quali non possono più fruire dei servizi che erano resi sia nella stagione estiva sia in quella invernale, cosa che evidenzia un’altra pagina negativa per il Terminillo, di cui è bene che ognuno si assuma la propria responsabilità. Ciò non giustifica in alcun modo che ci si possa permettere, sulla base di circostanze non vere, di “screditare” chi quell’esercizio, con tanti sacrifici, lo ha creato e ben gestito, dal 1956 ad oggi, arrivando ad essere inserito ripetutamente nella rubrica “miglior rifugi” della rivista sci  nazionale, per accoglienza e qualità.

Grazie La Capannaccia

Baja Terminillo

La Baja Terminillo si correrà il 12 e 13 settembre
Il secondo appuntamento del Campionato Italiano Cross Country Baja FMI sta prendendo forma proprio in questi giorni, mentre i piloti si godono la pausa estiva in attesa di rientrare a settembre.
La Baja Terminillo si correrà il 12 e 13 settembre con l’organizzazione della FIF e la collaborazione dell’ACI CSAI e varrà anche come terzo appuntamento dell’italiano cross country riservato alle auto 4×4.
Punto focale dell’evento di metà settembre saranno Rieti, Cittaducale, Castel Sant’Angelo, Micigliano e ovviamente il Terminillo che fungerà da centro logistico dell’intera manifestazione.

La Baja Terminillo si correrà il 12 e 13 settembre
Il secondo appuntamento del Campionato Italiano Cross Country Baja FMI sta prendendo forma proprio in questi giorni, mentre i piloti si godono la pausa estiva in attesa di rientrare a settembre.
La Baja Terminillo si correrà il 12 e 13 settembre con l’organizzazione della FIF e la collaborazione dell’ACI CSAI e varrà anche come terzo appuntamento dell’italiano cross country riservato alle auto 4×4.
Punto focale dell’evento di metà settembre saranno Rieti, Cittaducale, Castel Sant’Angelo, Micigliano e ovviamente il Terminillo che fungerà da centro logistico dell’intera manifestazione.

Il secondo appuntamento del Campionato Italiano Cross Country Baja si aprirà sabato mattina, 12 settembre proprio al Terminillo, con le operazioni preliminari ospitate nell’hotel Togo, che andranno avanti fino alle 12 mentre, dopo il briefing, la prima tappa prenderà il via alle ore 15 da Piazza del Popolo a Cittaducale. L’arrivo del primo concorrente è stimato intorno alle 19,40.
Da Cittaducale la carovana della Baja si sposterà a fine prima tappa, per salire al Terminillo dove sarà possibile lavorare tutta la sera al parco assistenza e da dove, la mattina dopo, alle 9, partirà la seconda giornata di gara che si concluderà alle 13 circa.

www.federmoto.it

 

Pronti alla marcia su Roma

Rieti, operatori del Terminillo pronti alla marcia su Roma
Dal Terminillo a Roma: pronta la marcia degli operatori del Terminillo. Una marcia organizzata per sollecitare l’approvazione da parte della Regione del rilascio dell’autorizzazione sulla valutazione impatto ambientale. E’ l’ultimo ostacolo per dare attuazione al progetto di rilancio della Stazione Montana. Fissata anche la data: 15 settembre, giorno entro il quale ogni ulteriore ostacolo burocratico dovrà essere superato. La proposta è stata lanciata questa mattina nel corso di un affollatissimo incontro (oltre trecento persone) svoltosi nella sala gremita del Palazzo del turismo, organizzato dall’associazione

Rieti, operatori del Terminillo pronti alla marcia su Roma
Dal Terminillo a Roma: pronta la marcia degli operatori del Terminillo. Una marcia organizzata per sollecitare l’approvazione da parte della Regione del rilascio dell’autorizzazione sulla valutazione impatto ambientale. E’ l’ultimo ostacolo per dare attuazione al progetto di rilancio della Stazione Montana. Fissata anche la data: 15 settembre, giorno entro il quale ogni ulteriore ostacolo burocratico dovrà essere superato. La proposta è stata lanciata questa mattina nel corso di un affollatissimo incontro (oltre trecento persone) svoltosi nella sala gremita del Palazzo del turismo, organizzato dall’associazione «SiAmo Terminillo», guidata da Rudy Garattini. Attorno al tavolo si sono ritrovati i quattro sindaci del comprensorio interessati dal progetto (Rieti, Micigliano, Leonessa e Cantalice) oltre al consorzio Smile che dovrà occuparsi della realizzazione dei nuovi impianti di risalita. In sala c’erano anche operatori immobiliari, preoccupati per la svalutazione degli immobili a fronte di mancate azioni di rilancio del turismo, proprietari di appartamenti, operatori commerciali e una folta delegazione proveniente da Leonessa, il paese che più di altri ricaverebbe grossi benefici dal rilancio delle attività sciistiche.

tratto da: http://overclokkati.com/rieti/rieti-operatori-del-terminillo-pronti-alla-marcia-su-roma/5174/

DOMENICA AL TERMINILLO

PETRANGELI, “DOMENICA INCONTRO AL TERMINILLO”
L’incontro di domenica a Terminillo organizzato dall’Associazione “SiAMO Terminillo” può essere una occasione importante per informare i cittadini e tutti coloro che sono interessati sullo stato dell’arte del piano di rilancio del montagna reatina.
Riteniamo pertanto poco utile, anzi dannoso al raggiungimento dell’obiettivo della conclusione dell’iter autorizzatorio, trasformarla in una mera e sterile strumentalizzazione politica, sarebbe soprattutto irrispettoso nei confronti dei residenti e degli operatori economici invitati a parteciparvi e dei rappresentanti istituzionali chiamati a relazionare.

PETRANGELI, “DOMENICA INCONTRO AL TERMINILLO”
L’incontro di domenica a Terminillo organizzato dall’Associazione “SiAMO Terminillo” può essere una occasione importante per informare i cittadini e tutti coloro che sono interessati sullo stato dell’arte del piano di rilancio del montagna reatina.
Riteniamo pertanto poco utile, anzi dannoso al raggiungimento dell’obiettivo della conclusione dell’iter autorizzatorio, trasformarla in una mera e sterile strumentalizzazione politica, sarebbe soprattutto irrispettoso nei confronti dei residenti e degli operatori economici invitati a parteciparvi e dei rappresentanti istituzionali chiamati a relazionare. Il progetto sta proseguendo il normale iter in Regione Lazio che, come è ovvio che sia nel caso di interventi così rilevanti, sta compiendo le necessarie valutazioni tecniche affinché, nel rispetto delle norme, si giunga ad una soluzione che tenga in considerazione le istanze ed esigenze dell’intera comunità provinciale.
Come ricordato dalla Provincia, l’Ente proponente, sono stati acquisti gran parte dei pareri al progetto comprensoriale, alcuni dei quali afferenti la compatibilità ambientale.
In questa fase è necessario pertanto che ognuno, per quanto di sua competenza, senza indebite pressioni e invasioni di campo, garantisca la corretta conclusione dell’iter nel rispetto delle procedure, il tutto a garanzia dell’intera collettività.
Il Comune di Rieti parteciperà pertanto all’incontro confidando che l’unico obiettivo dell’iniziativa sia un confronto con la cittadinanza e non una inutile e pretestuosa “chiamata alle armi”.

TERMINILLO, RIETI VIRTUOSA

TERMINILLO, RIETI VIRTUOSA: “PROVINCIA E REGIONE SI PRESTINO A CONFRONTO PUBBLICO”
di RIETI VIRTUOSA
Come mai gli uffici tecnici della Provincia preferiscono gli annunci a mezzo stampa e gli incontri ristretti invece del confronto pubblico previsto per legge?
Come mai tanti annunci così entusiasti da parte di Melilli e Rinaldi prima, durante e dopo lo svolgimento della Conferenza dei servizi del 29 luglio sul progetto Terminillo Stazione Montana?
In attesa di acquisire (ai sensi della L. 241/90) il parere paesaggistico rilasciato dalla Soprintendenza e gli altri pareri ambientali favorevoli al progetto comprensoriale, ai fini dei successivi approfondimenti tecnici e giuridico amministrativi, appare doveroso porre alcune domande sulle procedure in atto che dovrebbero garantire il rispetto delle norme e di tutti gli interessi in campo e non essere sottoposte ad ingerenze indebite da parte dei soggetti politico-istituzionali, come peraltro ricordato dallo stesso Assessore all’Ambiente Refrigeri.

TERMINILLO, RIETI VIRTUOSA: “PROVINCIA E REGIONE SI PRESTINO A CONFRONTO PUBBLICO”
di RIETI VIRTUOSA
Come mai gli uffici tecnici della Provincia preferiscono gli annunci a mezzo stampa e gli incontri ristretti invece del confronto pubblico previsto per legge?
Come mai tanti annunci così entusiasti da parte di Melilli e Rinaldi prima, durante e dopo lo svolgimento della Conferenza dei servizi del 29 luglio sul progetto Terminillo Stazione Montana?
In attesa di acquisire (ai sensi della L. 241/90) il parere paesaggistico rilasciato dalla Soprintendenza e gli altri pareri ambientali favorevoli al progetto comprensoriale, ai fini dei successivi approfondimenti tecnici e giuridico amministrativi, appare doveroso porre alcune domande sulle procedure in atto che dovrebbero garantire il rispetto delle norme e di tutti gli interessi in campo e non essere sottoposte ad ingerenze indebite da parte dei soggetti politico-istituzionali, come peraltro ricordato dallo stesso Assessore all’Ambiente Refrigeri.

Anzitutto va precisato che la Conferenza dei Servizi del 29 luglio è stata convocata impropriamente dal proponente (Provincia di Rieti) e non dall’Area VIA della Regione Lazio competente a farlo per acquisire i pareri ambientali ai sensi dell’art. 25 del D.Lgs. 152/06.
Sembra piuttosto evidente, quindi, il motivo per cui non ha partecipato alcun rappresentante della Direzione Ambiente; semplicemente la procedura seguita dall’Arch. Abruzzese (RUP per la Provincia di Rieti) appare un’anomalia di carattere procedurale, che si va ad aggiungere alla mancata Valutazione Ambientale Strategica (VAS) e che può inficiare la validità dell’intero procedimento rallentando ulteriormente le opportunità di sviluppo del Terminillo.
Poi, va detto che le integrazioni di cui si parla a seguito dell’incontro tecnico in Regione svoltosi lo scorso 4 agosto, andavano richieste dall’Area VIA della Regione diversi mesi fa, entro i termini indicati dall’art. 26 comma 3 dello stesso decreto ambiente.
Pertanto, siccome il procedimento di VIA del 2010 ha sancito l’incompatibilità del Progetto ISIC con le delicate e straordinarie qualità della montagna reatina, non si comprende come il progetto TSM della Provincia di Rieti, prevedendo interventi pesanti sulle stesse aree protette e a rischio idrogeologico, possa ricevere parere positivo nella VIA in corso anche ipotizzando opere di mitigazione che, a volte, diventano più impattanti degli interventi che si vogliono mitigare.
Non sarà, dunque, che tali annunci sono sintomo di un nervosismo che li ha spinti a lanciare dei “messaggi” rivolti proprio ai Dirigenti e funzionari di quelle Aree della Regione Lazio che non si sono ancora espressi sullo Studio di Impatto Ambientale?
E’ per questo che chiederemo formalmente all’Area VIA della Regione Lazio di applicare l’art.24 comma 6 del D.Lgs. 152/06 che prevede “lo svolgimento di un’inchiesta pubblica per l’esame dello studio di impatto ambientale, dei pareri forniti dalle pubbliche amministrazioni e delle osservazioni dei cittadini. Senza che ciò comporti interruzioni o sospensioni dei termini per l’istruttoria.”
A Melilli, Refrigeri, Rinaldi e Trancassini chiediamo invece che finalmente comincino a pensare ad un futuro migliore per il Terminillo e ad un diverso sviluppo turistico che si traduca in benefici concreti verso l’economia locale, con l’ammodernamento degli impianti sciistici esistenti e delle strutture ricettive e ricreative in grado di accogliere appieno i flussi invernali e la folla di turisti che, come sta avvenendo in questi giorni, invade il Terminillo in tutti i mesi estivi; ma anche con tante altre opportunità, come il nuovo corso di laurea in Scienze della Montagna e il sistematico coinvolgimento delle strutture sanitarie nei programmi terapeutici.
Ricordiamo, in proposito, che la Direzione Trasporti della Regione Lazio è quella che finanzia il progetto TSM su proposta dell’Assessorato di riferimento che, nel 2011, lo preferì all’ammodernamento della Salaria piuttosto che all’acquisto dei famosi treni per la Rieti-Terni-Roma.
Sono scelte politiche per noi sbagliate e che prima o poi si pagano, a scapito del rilancio del Terminillo e dei pendolari.

 

Progetto sviluppo Terminillo

Progetto sviluppo Terminillo, acquisti i pareri favorevoli
Lo comunica l’Amministrazione provinciale
Con riferimento alla procedure amministrative che afferiscono al Progetto di sviluppo Terminillo Stazione Montana l’Amministrazione provinciale di Rieti, al fine di dare massima trasparenza allo stato dei procedimenti in atto, come auspicato da alcune associazioni ambientaliste interessate al progetto, precisa che nel corso la conferenza dei servizi sono stati acquisti i pareri favorevoli al progetto comprensoriale, alcuni dei quali afferenti la compatibilità ambientale del progetto.

Progetto sviluppo Terminillo, acquisti i pareri favorevoli
Lo comunica l’Amministrazione provinciale
Con riferimento alla procedure amministrative che afferiscono al Progetto di sviluppo Terminillo Stazione Montana l’Amministrazione provinciale di Rieti, al fine di dare massima trasparenza allo stato dei procedimenti in atto, come auspicato da alcune associazioni ambientaliste interessate al progetto, precisa che nel corso la conferenza dei servizi sono stati acquisti i pareri favorevoli al progetto comprensoriale, alcuni dei quali afferenti la compatibilità ambientale del progetto. A riguardo si precisa che in esito dell’ultimo tavolo tecnico che si è svolto in Regione il giorno 04/08/2015 l’Amministrazione provinciale, ha invitato le Amministrazioni Comunali coinvolte nel procedimento a produrre integrazioni alle proposte di intervento per la mitigazione degli impatti sugli habitat dei S.I.C. Z.P.S., nella misura necessaria ad orientare in senso favorevole lo studio di incidenza ambientale predisposto e ritenuto valido e completo dal punto di vista tecnico-scientifico.
La Direzione regionale Infrastrutture Ambiente e Politiche abitative della Regione Lazio, riconoscendo la sostanziale validità del progetto riguardo diversi impatti ambientali e socio-economici, si attiverà immediatamente non appena ricevute da parte della Provincia le proposte di intervento volte alla mitigazione degli impatti diretti sugli habitat tutelati a livello comunitario.
Si auspica – si legge nella nota della Provincia di Rieti – che dopo questa ultima fase approfondimento tecnico da parte delle Amministrazioni Comunali si possa arrivare, congiuntamente con gli uffici regionali, ad una pronuncia in senso favorevole sul progetto definitivo che possa dare avvio alla progettazione esecutiva degli interventi.

3° concorso nazionale di fotografia del Terminillo

GRANDE EVENTO FOTOGRAFICO DEL TERMINILLO IN QUESTO MESE DI AGOSTO 2015
Dopo il notevole successo ottenuto nei due anni precedenti, la terza manifestazione del concorso nazionale di fotografia del Terminillo, sta assumendo una notevole rilevanza artistica e turistica. Inoltre, anche in questa edizione si è voluto dare risalto al progetto dell’Azienda AUSL di Rieti, denominato “Terminillo, la montagna del cuore” al suo quarto anno di attività. Ciò rappresenta un’ulteriore medaglia da appendere nell’albo d’oro del progetto che si fregia del riconoscimento tra le Best Practices del distretto 108L, del quale fa parte il  Lions Club Varrone di Rieti, che lo presenterà all’EXPO di Milano dal  31 agosto al 6 settembre 2015.

GRANDE EVENTO FOTOGRAFICO DEL TERMINILLO IN QUESTO MESE DI AGOSTO 2015
Dopo il notevole successo ottenuto nei due anni precedenti, la terza manifestazione del concorso nazionale di fotografia del Terminillo, sta assumendo una notevole rilevanza artistica e turistica. Inoltre, anche in questa edizione si è voluto dare risalto al progetto dell’Azienda AUSL di Rieti, denominato “Terminillo, la montagna del cuore” al suo quarto anno di attività. Ciò rappresenta un’ulteriore medaglia da appendere nell’albo d’oro del progetto che si fregia del riconoscimento tra le Best Practices del distretto 108L, del quale fa parte il  Lions Club Varrone di Rieti, che lo presenterà all’EXPO di Milano dal  31 agosto al 6 settembre 2015. L’organizzazione e la realizzazione della terza edizione, condotta dal Cav. Luigi Bernardinetti, suo ideatore e realizzatore, auspicata e sollecitata da privati e istituzioni di Rieti e provincia, si avvale di molti istituti scolastici superiori locali tra i quali il Liceo Artistico “Antonino Calcagnadoro” di Rieti, rappresentato dalla Prof.ssa Fulvia De Simone. Altri Istituti scolastici superiori, che vogliono entrare nell’organizzazione in modo molto più operativo di quest’anno, già si sono prenotati per l’anno prossimo per mezzo dei progetti P.O.F. (Piani dell’Offerta Formativa).
Notevole è stato il contributo deliberato da parte della Fondazione Varrone di Rieti, che in tal modo ha voluto riconoscere l’importanza della manifestazione, ed altri significativi contributi sono pervenuti da parte del Rotary Club di Rieti, del Lions Club Rieti Host, dell’Astor Club di Roma mentre dal Consorzio  per lo sviluppo industriale della Provincia di Rieti, è stata determinata una cospicua collaborazione operativa disponendo propri libri da consegnare in premio ai vincitori e di strutture per l’allestimento della mostra.
Il tema fotografico che dovrà evidenziare il concorso di quest’anno è l’ambiente del comprensorio montano del Terminillo, in particolare la flora, la fauna e gli itinerari turistici, paesaggistici e tematici, in tal modo si è voluto fornire una bella immagine del Terminillo, soprattutto sotto il suo aspetto ambientalistico, visto anche che gli scorci storici,  turistici e sportivi erano stati trattati nei temi degli anni precedenti.
Componenti del Comitato Organizzativo sono i rappresentanti provinciali  della Legambiente, Gabriele Zanin, della L.I.P.U. Costantino Poggi, e del CAI di Rieti il presidente Giuseppe Quadruccio, inoltre è stato nominato vice presidente del comitato il prof. Silvano Landi, personalità  notissima in campo forestale e universitario. Gli altri componenti del C. O. sono Enrico Ferri, fotografo professionista specializzato nelle immagini di montagna, Filippo Maria Gianfelice, fotografo professionista e delegato provinciale della FIAF, la cardiologa dell’Ospedale provinciale di Rieti Isabella Marchese, il presidente del Circolo fotografico reatino Dario Mariantoni, il presidente dell’Amministrazione dei Beni Civici di Vazia Giacomo Mazzilli, e la giornalista Tatiana Rossi.
E’ stato inoltre composto un comitato scientifico composto dalla Prof.ssa Sofia Corradi, già presidente dell’Erasmus e docente universitaria, dal dr. Raffaele Bordi, botanico e farmacista del Terminillo, da Padre Mariano Pappalardo, parroco del Tempio di S. Francesco, e da Simona Muccioli, coordinatrice provinciale dell’Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo. 
Per dare maggiore visibilità nazionale all’evento, durante il periodo della mostra, dal fotografo Enrico Ferri sarà presentato un interessante servizio fotografico su alcuni “8.000 metri” e sulla montagna in generale. Inoltre l’evento sarà presentato e moderato da Paolo Di Lorenzo, noto presentatore di Canale 5.
Nei giorni 19 e 25 agosto, saranno organizzati due concerti musicali, il primo con l’intervento del baritono Giuliano Aguzzi e del pianista Roberto Russi, ed il secondo con la partecipazione dei fratelli Emanuele e Filippo Vespaziani e di Sandro Sacco tutti flautisti, oltre che del maestro pianista Paolo Paniconi.
Degno corollario all’esposizione delle fotografie dei partecipanti, saranno 80 immagini del Terminillo, eseguite durante l’ultimo inverno, nel complesso delle quali alcuni scorci della città di Rieti sono ripresi in primo piano. Inoltre la pittrice Adriana Salvatore del Terminillo presenterà proprie pitture che avranno lo stesso tema delle fotografie.
La manifestazione si svolgerà interamente nei locali del Palazzo del Turismo, di proprietà della Regione Lazio, sito in via dei Villini al Terminillo, recentemente riparato e quindi ritornato disponibile per la comunità.
Allegato: Locandina – Depliant – 2 immagini fotografiche di vincitori della passata edizione 2014.