Sereno Variabile al Terminillo

Terminillo Sereno Variabile RAI 2013

Sereno variabile 16 Febbraio 2013 – Osvaldo Bevilacqua ci porta sulle nevi del Terminillo, ribattezzata la montagna di Roma, nell’Appennino Centrale, frequentata da vip e artisti negli anni Cinquanta e Sessanta

guarda video….

Terminillo Sereno Variabile RAI 2013

Sereno variabile 16 Febbraio 2013 – Osvaldo Bevilacqua ci porta sulle nevi del Terminillo, ribattezzata la montagna di Roma, nell’Appennino Centrale, frequentata da vip e artisti negli anni Cinquanta e Sessanta

guarda video….

 

 

Maltempo, nevicata al Terminillo

Maltempo, nevicata al Terminillo la vetta tra le più fredde d’Italia
RIETI – Sul fatto che ieri fosse il 25 maggio qualche dubbio è venuto guardando il Terminillo, imbiancato da una nevicata inattesa considerato il periodo dell’anno A dimostrare l’evento verificatosi ieri sul monte reatino, le immagini circolate sui social network tratte dalla webcam dell’hotel ristorante La Piccola Baita, il cui obiettivo è puntato sull’ultimo tratto della pista Togo.

Maltempo, nevicata al Terminillo la vetta tra le più fredde d’Italia
RIETI – Sul fatto che ieri fosse il 25 maggio qualche dubbio è venuto guardando il Terminillo, imbiancato da una nevicata inattesa considerato il periodo dell’anno A dimostrare l’evento verificatosi ieri sul monte reatino, le immagini circolate sui social network tratte dalla webcam dell’hotel ristorante La Piccola Baita, il cui obiettivo è puntato sull’ultimo tratto della pista Togo.

I fiocchi sono caduti a partire dal primissimo pomeriggio, ricoprendo la località sciistica reatina che già da qualche giorno stava assistendo alla progressiva scomparsa delle nevi invernali. Sui siti specializzati, già dalla mattina, il Terminillo era stato annoverato tra le vette più fredde d’Italia (-1°C la minima, +3°C la massima). Le previsioni indicano la possibilità di precipitazioni nevose in quota anche nella giornata di oggi: le temperature infatti non si discosteranno molto da quelle di ieri.

 

10° Sky Race

Monte Terminillo Sky Race
Gara Monte Terminillo Sky Race (Crit. Trail) 4ª edizione
Distanza 19.000 metri
Località Terminillo – Lisciano (RI) Italia
Data Domenica 30/06/2013 ore 09.00
Organizzazione
AS Monte Terminillo Sky Race. Gara su sentieri Cai, con lo scopo di ricordare Salvatore Signorino, scomparso nel 2004 a causa di una leucemia fulminante, e avvicinare lo sport alle più belle montagne del reatino e alla natura in generale, sviluppando una sensibilità ambientale e di cura dell’ambiente. Legegre con attenzione il regolamento che interpreta, al meglio, lo spirito trail. Tutto il ricavato dalle iscrizioni sarà devoluto all’ACLI.
La gara fa parte del Criterium Trail 2013 podistica solidarietà.
Il calendario e la classifica Criterium Trail 2013 è disponibile qui.

Monte Terminillo Sky Race
Gara Monte Terminillo Sky Race (Crit. Trail) 4ª edizione
Distanza 19.000 metri
Località Terminillo – Lisciano (RI) Italia
Data Domenica 30/06/2013 ore 09.00
Organizzazione
AS Monte Terminillo Sky Race. Gara su sentieri Cai, con lo scopo di ricordare Salvatore Signorino, scomparso nel 2004 a causa di una leucemia fulminante, e avvicinare lo sport alle più belle montagne del reatino e alla natura in generale, sviluppando una sensibilità ambientale e di cura dell’ambiente. Legegre con attenzione il regolamento che interpreta, al meglio, lo spirito trail. Tutto il ricavato dalle iscrizioni sarà devoluto all’ACLI.
La gara fa parte del Criterium Trail 2013 podistica solidarietà.
Il calendario e la classifica Criterium Trail 2013 è disponibile qui.

Percorso
La TSR (Terminillo Sky Race) è una gara IMPEGNATIVA , con dislivello positivo (D+) di 1650 mt, su sentieri del CAI, con passaggio in cima al Terminillo e arrivo al Campo Altura dei Cinque Confini. NON sottovalutate la quota e le pendenze: piena consapevolezza e adeguata preparazione psico/fisica sono condizioni di base per correre in natura, su percorsi di alta quota. Mappa percorso, Ortofoto e profilo altimetrico sul sito.

Logistica
Ritrovo ore 7,00 a lisciano. Elenco del materiale consigliato all’interno del regolamento.

Iscrizioni
Scheda sul sito www.terminilloskyrace.it . E’ previsto il pacco gara.

Web
www.terminilloskyrace.it

 

20^ Granfondo del Terminillo

Il G.S. Aquila Azzurra organizza per il 7 luglio 2013: la 20^ edizione della Granfondo del Terminillo
Luogo di ritrovo: Rieti Piazzale Leoni dalle ore 06:00 alle ore 08:00
Partenza: Rieti Piazzale Leoni alle ore 08:30
Arrivo: Rieti Piazzale Leoni servizio docce e pasta party

Il G.S. Aquila Azzurra organizza per il 7 luglio 2013: la 20^ edizione della Granfondo del Terminillo
Luogo di ritrovo: Rieti Piazzale Leoni dalle ore 06:00 alle ore 08:00
Partenza: Rieti Piazzale Leoni alle ore 08:30
Arrivo: Rieti Piazzale Leoni servizio docce e pasta party

Partecipazioni: cicloamatori e cicloturisti tesserati di ambo i sessi (casco obbligatorio)
Iscrizioni: Entro il 30 giugno 20 euro, dal 1 luglio 25 euro
La quota d’iscrizione potrà essere inviata nei seguenti modi:
1- Tramite bonifico bancario a:
RAZZANO ALFONSO, Viale dei Flavi, 13/G – 02100 RIETI
IBAN:  IT 74 D 02008 14605 000005224605  UNICREDIT Ag. Rieti Marconi
2- Tramite banco posta:
Razzano Alfonso, Viale dei Flavi, 13/G – 02100 RIETI
IBAN:  IT 08 G 07601 14600 000041160193
3- Tramite carta POSTE PAY:
4023600445857446 intestata a Razzano Alfonso
Informazioni: G.S. Aquila Azzurra ASD, Viale dei Flavi, 13/G – 02100 RIETI
Tel e Fax: 0746/203879 – Alfonso: 338.2836209 – Lorenzo: 349.6966924
Il ritiro dei numeri di gara, la verifica dei tesserini e la consegna del materiale previsto si svolgerà sabato 6 luglio dalle ore 14:00 alle ore 20:00 o domenica 7 luglio dalle 06.00 alle 08.00 (per gli atleti fuori Provincia), presso il Campo Scuola “R. Guidobaldi”, adiacente a Piazzale Leoni.
Premiazioni: ricco montepremi composto da regali di valore, prodotti tecnici e locali, trofei, coppe e ricchi premi a sorteggio. Saranno premiati i primi tre assoluti e i primi 10 di ogni categoria(novità con il percorso unico) e le 10 società meglio classificate.
Pacco gara: con Oggetto Ricordo.
Cronometraggio: Kronoservice

tratto da www.granfondodelterminillo.com

 

Gran fondo degli Appennini Reatini

Gran fondo degli Appennini Reatini
14 luglio 2013 Terminillo (Rieti)
Organizza: Road Bike Cantalice con la collaborazione del Gruppo Sportivo D’angeli di Rieti.
Il gruppo Ciclistico ROAD BIKE CANTALICE del Presidente Angelo Patacchiola con la collaborazione del Gruppo Ciclistico D’angeli Rieti vi invita a partecipare alla Novità Ciclistica Laziale di del 2013
Gran Fondo degli Appennini Reatini- Città di Rieti
partenza e arrivo sul Monte Terminillo, “ la montagna dei Romani…….”. Il quartier tappa è lo splendido impianto sportivo di altura di recente costruzione, lo Staff organizzativo e la manifestazione sono inediti con tanto entusiasmo nel regalare a tutti gli appassionati di ciclismo un evento sportivo di elevato spessore sia qualitativo che organizzativo.

Gran fondo degli Appennini Reatini
14 luglio 2013 Terminillo (Rieti)
Organizza: Road Bike Cantalice con la collaborazione del Gruppo Sportivo D’angeli di Rieti.
Il gruppo Ciclistico ROAD BIKE CANTALICE del Presidente Angelo Patacchiola con la collaborazione del Gruppo Ciclistico D’angeli Rieti vi invita a partecipare alla Novità Ciclistica Laziale di del 2013
Gran Fondo degli Appennini Reatini- Città di Rieti
partenza e arrivo sul Monte Terminillo, “ la montagna dei Romani…….”. Il quartier tappa è lo splendido impianto sportivo di altura di recente costruzione, lo Staff organizzativo e la manifestazione sono inediti con tanto entusiasmo nel regalare a tutti gli appassionati di ciclismo un evento sportivo di elevato spessore sia qualitativo che organizzativo.

La manifestazione è sotto l’egida FCI, inserita nel nuovo circuito Regionale PedaLatium, circuito che vuole proporre nuove manifestazioni di elevata importanza , fondato su alcuni contesti importanti, con una cospicua qualità di servizi, il rispetto dell’ambiente, il rilancio del territorio ed infine la promozione di quella bellissima disciplina sportiva che è il ciclismo , nel rispetto dell’etica sportiva sotto tutte le sue forme. Oltre alla nostra manifestazione fanno parte del circuito anche alcune gare già affermate a livello nazionale come la Garibaldina che si svolgerà a Mentana il 21 Aprile 2013, che lo scorso anno , alla prima edizione ha totalizzato oltre 750 iscritti e la Gran Fondo delle Cerase ”Cicli Moser” città di FARA IN SABINA, di Passo Corese del 9 Giugno 2013 che lo scorso anno ha conseguito 1350 iscritti, risultando una delle manifestazioni più partecipate d’Italia.Infine l’altra new entry è la Gran Fondo Città di Fiuggi VALERIO AGNOLI – Sulle strade del Cesanese , in programma il 28 Aprile 2013 .
Vogliamo mettere in risalto a tutti voi, che i percorsi di questo manifestazione attraverseranno alcune delle più belle zone della Valle Santa Reatina , le distanze dei percorsi proposti sono , per la Medio Fondo di circa 90 Km e per la Gran Fondo di Km 140 , entrambe con altimetrie non proibitive quindi aperte a tutti gli amanti delle due ruote, anche ai meno preparati, con percorsi molto scorrevoli e con un buon fondo stradale.Come detto il quartier generale e cuore della Manifestazione è il Monte Terminillo , una della Montagne più alte d’Italia , che sarà lo scenario ed il fulcro dell’evento sportivo, l’orario di partenza è fissato alle ore 9.00, la fase della partenza sarà fatta a velocità controllata, guidata sino alla Città di Rieti , dove sarà dato il via ufficiale al km 0. Da qui entrambi i percorsi si dirigeranno verso Cantalice, Poggio Bustone, Rivodutri, dove si trova la deviazione percorsi (circa al 30° km) , la medio fondo proseguirà per Morro mentre la Gran Fondo si dirigerà verso Greccio, Rieti, Labbro, Morro ( dove vi sarà il ricongiungimento con la Medio Fondo). Da quì i percorsi proseguiranno entrambi verso Leonessa da dove si salirà verso il Terminillo affrontando l’unica salita importante dei percorsi che condurrà fino al traguardo con la scalata del Monte Terminillo dal versante di Leonessa “VALLONINA”. Si potrà partecipare , oltre che alla Gran Fondo nelle modalità classiche agonistiche amatoriali , anche alla Cygling Bay Terminillese , con partenza alla Francese, dove chi  è iscritto potrà partecipare sugli stessi percorsi della Gran Fondo , ma con partenza libera , potendo quindi cimentarsi sui percorsi e usufruire dei servizi gara senza l’assillo della classifica e della prestazione , solo con il piacere della escursione ciclistica. Lungo i percorsi visto il periodo sono previsti un ristoro ogni 20 km, più quello finale al traguardo, oltre a tutti i servizi regolamentati  dalle normative FCI, agli iscritti sarà dato un bellissimo pacco gara, contenente prodotti tecnici e prodotti locali. Al termine delle premiazioni si potrà degustare i piatti tipici Reatini nel favoloso Pasta Party che sarà a disposizione di tutti gli iscritti all’evento sportivo, e degli accompagnatori con i fedelissimi che potranno aggregarsi acquistando i buoni pasto a prezzi promozionali. Con questa iniziativa sportiva il comitato organizzativo vuole regalare a tutti un evento sportivo nuovo ed unico in tutti i suoi profili sportivi, con l’intento di portare la Gran Fondo degli Appennini Reatini – CITTA’ di RIETI a diventare , in un paio di anni una manifestazione di rilevanza Nazionale.Siamo convinti che tale progetto possa essere realizzato soltanto se tutti noi dell’organizzazione e VOI che siete invitati a partecipare,ci applicheremo per la realizzazione di una buona gran fondo, la nuova location , il nuovo gruppo di lavoro il percorso inedito, secondo noi sarà un buon punto di partenza per realizzare una bella manifestazione sportiva, il nostro territorio laziale ed in particolare la nostra Città trarrà beneficio da un evento ciclistico importante, e quindi noi ce la metteremo tutta per ottenere un riscontro favorevole da coloro che parteciperanno. A BREVE SARA ON LINE ANCHE IL SITO WEB UFFICIALE DELLA MANIFESTAZIONE www.gfdegliappeninireatini.it dove troverete dettagli e notizie più approfondite circa l’evento sportivo.
Sito web circuito” PedaLatium “ SPinQR www.pedalatium.com E mail info@pedalatium.com
Vi aspettiamo numerosi……. Il 14 Luglio 2013 , non mancate alla prima edizione della GRAN FONDO DEGLI APPENNINI REATINI – CITTA DI RIETI

 

tratto da: www.pedalatium.com

Scavalco della Sella di Leonessa

Scavalco della Sella di Leonessa: un pericolo
Ad alto rischio il Progetto del Comprensorio sciistico del Terminillo
Il Progetto sciistico ‘Terminillo stazione montana – Turismo responsabile – progetto di comprensorio’, firmato dall’Arch. Fabio Orlandi, consultabile sul sito www.archilovers.com e presso gli Uffici del Comune di Cantalice, prevede il collegamento di Pian de Valli con quelli di Campo Stella: il tracciato degli impianti e delle piste da sci, che dalla Sella di Leonessa, quota 1901 m s.l.m., scendono nella Valle della Meta e in Vallonina, è posizionato sul versante occidentale di Iaccio Crudele, subito a valle della S.P. 10 turistica del Terminillo.

Scavalco della Sella di Leonessa: un pericolo
Ad alto rischio il Progetto del Comprensorio sciistico del Terminillo
Il Progetto sciistico ‘Terminillo stazione montana – Turismo responsabile – progetto di comprensorio’, firmato dall’Arch. Fabio Orlandi, consultabile sul sito www.archilovers.com e presso gli Uffici del Comune di Cantalice, prevede il collegamento di Pian de Valli con quelli di Campo Stella: il tracciato degli impianti e delle piste da sci, che dalla Sella di Leonessa, quota 1901 m s.l.m., scendono nella Valle della Meta e in Vallonina, è posizionato sul versante occidentale di Iaccio Crudele, subito a valle della S.P. 10 turistica del Terminillo. Il tratto di circa 500 metri della strada provinciale, che con una serie di tornanti scende dalla Sella di Leonessa nella Vallonina, è esposto a rischio elevato per il distacco continuo di blocchi di roccia dalle pareti sub verticali di Iaccio Crudele (Ghiaccio crudele, ndr). Le pareti di roccia calcarea, interessata da faglie e fratture, sono alte fino a 100, dal piano stradale, blocchi disarticolati crollano continuamente e percorrono il versante fino al fondovalle. Le reti e le barriere paramassi esistenti non sono adeguate e risultano attualmente carenti di manutenzione, in più parti divelte e deformate dai crolli e dalla pressione della copertura nevosa.
Allo stato attuale il progetto di far passare sciovie lungo questo tratto di versante significa esporre uomini e strutture ad altissimo rischio. A questa situazione di altissimo rischio collegato alle frane di crollo si aggiunge il pericolo localizzato in cinque colatoi di valanghe, pericolo che nel caso fossero realizzati impianti sciistici si trasformerebbe in elevato rischio. La carta di Localizzazione Probabile della Valanghe del Comprensorio del Monte Terminillo è stata realizzata nel 2004 dai Geologi S. Angelini e M. Fazzini ed è inserita nel Progetto dell’Arch. Fabio Orlandi.
Lo scorso 8 aprile 2013 sono stato invitato dal Progettista Dott. Arch. Fabio Orlandi a un tavolo tecnico, nell’occasione ho esposto alcune critiche sotto il profilo geologico al Progetto del Comprensorio sciistico del Terminillo e ho chiaramente indicato l’impossibilità allo stato attuale di localizzare seggiovie e piste da sci sul versante di Iaccio Crudele, così come a valle di M. Porcini – Costa ghiaiosa, sulla base degli studi in corso da parte del Servizio Geologico d’Italia-Ispra e dell’Ifac-Cnr e di quanto illustrato dalla Carta dell’ IFFI (Inventario dei Fenomeni Franosi in Italia – Ispra), dalla Cartografia del Piano Stralcio di Assetto Idrogeologico (PAI – Autorità di Bacino del Fiume Tevere), dalla Carta dei Fenomeni Franosi interessanti i centri abitati e la viabilità nella Provincia di Rieti (Gruppo Nazionale Difesa Catastrofi Idrogeologiche – CNR) e dalla Carta Geomorfologico – turistica di Monte Terminillo (Appennino Centrale), edita dalla Regione Lazio e inserita quale allegato al progetto, di queste ultime due carte sono coautore.
In conclusione, ho ribadito ai presenti alla riunione tecnica che per l’altissimo rischio cui andrebbero esposti vite umane e impianti, altissimo rischio collegato alle frane di crollo e alle valanghe, a mio parere, non può realizzarsi alcun impianto sciistico e la stessa viabilità stradale andrebbe adeguatamente protetta; di conseguenza ho suggerito di predisporre lo studio geo-meccanico di tutto il versante Iaccio Crudele – M. Porcini al fine di dimensionare le opportune opere per la mitigazione del rischio: tali studi essenziali e necessari per la validazione del progetto non sono previsti, anche per le immaginabili elevate spese degli interventi ingegneristici che si renderebbero necessari.
Di fatto il Progetto del Comprensorio sciistico del Terminillo non può oggettivamente essere realizzato nei termini proposti dall’architetto Fabio Orlandi; lo scavalco della Sella di Leonessa è attualmente irrealizzabile per i motivi che ho esposto e che devono anche essere approfonditi e valutati nell’ambito dei Piani di Protezione Civile della Provincia di Rieti e dei Comuni interessati.
Oggi sarebbe auspicabile il ripristino e il potenziamento di tutte le piste da sci e degli impianti a fune, la valorizzazione dei Rifugi e di tutte le strutture turistiche esistenti, la ripulitura di tutto il comprensorio dei Monti Reatini da relitti di impianti sciistici, di casotti e strutture murarie fatiscenti, il vero improcrastinabile rilancio di tutta l’area per un Turismo responsabile, invernale ed estivo, abbandonando progetti irrealizzabili che si succedono da alcuni decenni.
E ancora, attivare uno Sportello informativo presso i Comuni di Rieti, Micigliano, Cantalice e Leonessa e presso la Provincia dove i cittadini possano avere accesso agli atti pubblici e inoltrare proposte e suggerimenti, seguire l’iter progettuale, avere indicazioni sull’esito delle conferenze di servizi, sull’approvazione in sede comunale e, finalmente, sull’erogazione dei fondi regionali, il tutto senza sprecare altro tempo e denaro.

di Riccardo Massimiliano Menotti – Geologo

2° convegno “TERMINILLO NON SOLO” NEVE

AL TERMINILLO UN CENTRO TERAPEUTICO DI PRIMARIA IMPORTANZA NAZIONALE
La cardiologa reatina Dott.ssa Isabella Marchese, già promotrice di un primo convegno tenutosi nel maggio del 2012,  tenacemente intenzionata a creare sul complesso del Terminillo, con la collaborazione della AUSL di Rieti, un centro terapeutico di primaria importanza nazionale, il 16 maggio 2013 ha organizzato il 2° convegno dal titolo “TERMINILLO NON SOLO NEVE – LA MONTAGNA COME ESPERIENZA TERAPEUTICA”.
Sono intervenuti illustri relatori e moderatori provenienti non solo da Rieti, ma anche da Roma, Padova, Perugia, Venezia, Viterbo e da altre località italiane, per illustrare e testimoniare le peculiarità terapeutiche che si possono a giusta ragione realizzare sul Terminillo. 

AL TERMINILLO UN CENTRO TERAPEUTICO DI PRIMARIA IMPORTANZA NAZIONALE
La cardiologa reatina Dott.ssa Isabella Marchese, già promotrice di un primo convegno tenutosi nel maggio del 2012,  tenacemente intenzionata a creare sul complesso del Terminillo, con la collaborazione della AUSL di Rieti, un centro terapeutico di primaria importanza nazionale, il 16 maggio 2013 ha organizzato il 2° convegno dal titolo “TERMINILLO NON SOLO NEVE – LA MONTAGNA COME ESPERIENZA TERAPEUTICA”.
Sono intervenuti illustri relatori e moderatori provenienti non solo da Rieti, ma anche da Roma, Padova, Perugia, Venezia, Viterbo e da altre località italiane, per illustrare e testimoniare le peculiarità terapeutiche che si possono a giusta ragione realizzare sul Terminillo.  Dopo i saluti rivolti ai numerosi presenti dal Prefetto Chiara Marolla, dal Questore Carlo Casini e dal sindaco Simone Petrangeli, l’apertura dei lavori è stata ufficializzata dal Prof. Rodolfo Gianani, Direttore Generale della AUSL reatina.
I lavori del convegno sono stati divisi in quattro sessioni e la prima si è sviluppata sul tema: “Il cardiopatico in montagna” alla quale ha fatto seguito, nell’ordine, “L’esercizio fisico è terapia”, “Montagna e malattie dell’apparato respiratorio” e in chiusura, “Montagnaterapia e psiche”.
La dott.ssa Isabella Marchese, promotrice e responsabile scientifica della manifestazione, a sua volta ha illustrato con dovizia di particolari l’enorme sviluppo che, sin dalla prossima estate, si potrà realizzare nella nostra montagna con la nascita della montagnaterapia attraverso un  protocollo metodologico a carattere terapeutico-riabilitativo e/o socio-educativo, finalizzato alla prevenzione secondaria, alla cura ed alla riabilitazione degli individui portatori di differenti patologie o disabilità, pertanto tale programma é progettato per svolgersi, attraverso il lavoro sulle dinamiche di gruppo, nell’ambiente culturale, naturale e artificiale della montagna reatina, mettendo più volte  in evidenza la vicinanza dell’ospedale provinciale con il Terminillo, e quindi la facilità di un pronto intervento o esecuzione di visite specialistiche.
Come primo momento applicativo del suo programma, la cardiologa ha annunciato che dal 1° al 14 luglio p. v. sarà messo in atto il progetto multidisciplinare durante il quale saranno trattati i vari ed interessanti argomenti che a loro volta si svolgeranno nelle varie località del complesso montano.
L’ampia Aula Magna, recentemente inaugurata nel vasto e nuovo complesso dell’ex ospedale psichiatrico, di recente sede degli uffici provinciali della AUSL reatina, nella quale si è svolto il convegno ha anche ospitato una interessante mostra fotografica allestita dal fotografo e scrittore Luigi Bernardinetti. Le belle immagini, rigorosamente in bianco/nero, testimoniano la nascita e lo sviluppo del Terminillo e gli storici personaggi che hanno contribuito alla sua fama. Le stesse immagini sono state recentemente pubblicate nel libro TERMINILLO IN BIANCO E NERO, scritto dallo stesso Luigi Bernardinetti, con la quale pubblicazione ha ottenuto un lusinghiero successo, pubblicizzato non solo dalla stampa e dalle emittenti televisive locali, ma anche dai tre canali della RAI. I lavori sono stati chiusi con l’esposizione del progetto “Mordi la vetta” come campus estivo per i bambini affetti da eccesso ponderale.

“Passo chiuso per neve”

Terminillo-Leonessa, la disfida della strada “Passo chiuso per neve”, ma ci sono le margherite (tratto da Repubblica.it )
Terminillo-Leonessa, strada chiusa “per neve”. Oggi, 16 maggio, con le margherite sui campi e forse, per qualche decina di metri proprio nel punto più alto, con una decina di centimetri di imbiancatura per un breve tratto. In Trentino ci avrebbero messo mezz’ora a ripulirla. Qui non è così. E anche quest’anno, per burocrazia, conflitti di competenze, un pò di campanilismo e pigrizia amministrativa, una delle strade più panoramiche del Lazio, meta di scampagnate e giri in bicicletta a un’ora da Roma resta sbarrata a tiristi e appassionati “causa neve” come lo è stata per tutto l’inverno.

Terminillo-Leonessa, la disfida della strada “Passo chiuso per neve”, ma ci sono le margherite (tratto da Repubblica.it )
Terminillo-Leonessa, strada chiusa “per neve”. Oggi, 16 maggio, con le margherite sui campi e forse, per qualche decina di metri proprio nel punto più alto, con una decina di centimetri di imbiancatura per un breve tratto. In Trentino ci avrebbero messo mezz’ora a ripulirla. Qui non è così. E anche quest’anno, per burocrazia, conflitti di competenze, un pò di campanilismo e pigrizia amministrativa, una delle strade più panoramiche del Lazio, meta di scampagnate e giri in bicicletta a un’ora da Roma resta sbarrata a tiristi e appassionati “causa neve” come lo è stata per tutto l’inverno.

Si lamentano i residenti della zona del Terminillo e anche quelli della sponda opposta ma nulla si muove. Così il sindaco di Leonessa, Paolo Trancassini ha deciso di passare ai fatti: ha inviato un telegramma per un intervento urgente alla Provincia di Rieti competente per quel tratto annunciando che, se non si provvede immediatamente all’apertura, “e per non causare ulteriori danni all’economia dei due territori, la strada l’apriremo noi”. Muniti di vanghe e trattori.

 

tratto da Repubblica.it : http://roma.repubblica.it/cronaca/2013/05/16/foto/terminillo-leonessa_la_disfida_della_strada_passo_chiuso_per_neve_ma_ci_sono_le_margherite-58963444/1/#1