Incidente vicino al tracciato Cardito Sud

Sciatore reatino finisce contro un albero e muore in un fuoripista al Terminillo
Incidente vicino al tracciato Cardito Sud
Un giovane sciatore reatino è morto in un fuoripista al Terminillo. Si tratta di Giovanni Giraldi, 44 anni, di Cittaducale. L’incidente è avvenuto nelle prime ore di sabato, a poca distanza dalla pista Cardito Sud. Da una prima ricostruzione, sembrerebbe che l’uomo abbia perso il controllo degli sci, finendo contro gli alberi.

Strutture abbandonate

Strutture abbandonate, accade al Terminillo
Perché edifici pubblici, realizzati con pubblico denaro, si riducono a ruderi per mancanza di custodia e un minimo di manutenzione?
Confesso – e la foto da me scattata ieri lo sta a dimostrare – di avere avuto una “stretta al cuore” a vedere, durante le festività di fine anno con neve e i pochi impianti aperti, il “mio” ufficio (dove ho operato per circa 40 anni) assolutamente sbarrato e buio in un complesso – Palazzo del Turismo – che ebbe pur la sua notorietà al servizio della Stazione Turistica, ospitando eventi di notevole spessore turistico-culturale politico-sportivo. Confesso la mia emozione ed anche il mio disappunto per tanta insensibilità e, soprattutto, per tanto spreco di quel pubblico denaro che fu necessario investire per la sua realizzazione. Ma ancor più indignato verso tutti gli attuali possessori del “potere pubblico”.

Strutture abbandonate, accade al Terminillo
Perché edifici pubblici, realizzati con pubblico denaro, si riducono a ruderi per mancanza di custodia e un minimo di manutenzione?
Confesso – e la foto da me scattata ieri lo sta a dimostrare – di avere avuto una “stretta al cuore” a vedere, durante le festività di fine anno con neve e i pochi impianti aperti, il “mio” ufficio (dove ho operato per circa 40 anni) assolutamente sbarrato e buio in un complesso – Palazzo del Turismo – che ebbe pur la sua notorietà al servizio della Stazione Turistica, ospitando eventi di notevole spessore turistico-culturale politico-sportivo. Confesso la mia emozione ed anche il mio disappunto per tanta insensibilità e, soprattutto, per tanto spreco di quel pubblico denaro che fu necessario investire per la sua realizzazione. Ma ancor più indignato verso tutti gli attuali possessori del “potere pubblico”. Lo sono perché, mi viene detto, che all’interno del palazzo stesso vige l’abbandono totale, con ambienti, sotto e sopra il piano stradale, ridotti ormai a macerie e con impianti tecnici (che costarono decine e decine di milioni di euro) disastrati ed inservibili, quando non siano stati asportati, con l’acqua che fuoriesce dalle tubature degli impianti idraulici per le inevitabili gelate di questo scorcio di inverno; con possessori in affitto di locali che non sanno più a chi rivolgersi per denunciare questo stato di cose e, quel che è peggio, che non sanno più a chi soddisfare il loro canone di affitto! È possibile tutto ciò? Solo il Terminillo turistico, che si vuole rilanciare, può offrire simili “spettacoli”.
È con tanta tristezza che scrivo queste righe. Vorrei cercare dare notizie più liete di questa località, ma, lo giuro, dopo 48 ore dalla visione di questo stato d’abbandono di un complesso che tanto occorreva per questa località turistica, non ho potuto fare a meno di scrivere queste righe, augurandomi che qualcuno dei tanti stipendiati venga almeno distaccato per controllare che il Palazzo non continui ad essere un… rudere.

di Antonio Cipolloni

INCIDENTE MUORE SCIATORE

TERMINILLO, IN UN INCIDENTE MUORE SCIATORE 44ENNE DI CITTADUCALE
Questa mattina, intorno alle ore 9.30 circa, nei pressi della pista Cardito sud del Terminillo, G.G. di 44 anni  di Cittaducale, sciando fuori pista ha perso la vita.
L’uomo, da quanto riferiscono gli inquirenti, sembra avesse deciso di avventurarsi in una discesa fuori pista, vicino alla Cardito sud. La neve ghiacciata dal forte vento di questa mattina, e forse l’inesperienza dello sciatore non hanno giocato a suo favore, infatti, durante la discesa l’uomo ha perso il controllo degli sci finendo nel bosco sottostante e sbattendo violentemente contro gli alberi.

TERMINILLO, IN UN INCIDENTE MUORE SCIATORE 44ENNE DI CITTADUCALE
Questa mattina, intorno alle ore 9.30 circa, nei pressi della pista Cardito sud del Terminillo, G.G. di 44 anni  di Cittaducale, sciando fuori pista ha perso la vita.
L’uomo, da quanto riferiscono gli inquirenti, sembra avesse deciso di avventurarsi in una discesa fuori pista, vicino alla Cardito sud. La neve ghiacciata dal forte vento di questa mattina, e forse l’inesperienza dello sciatore non hanno giocato a suo favore, infatti, durante la discesa l’uomo ha perso il controllo degli sci finendo nel bosco sottostante e sbattendo violentemente contro gli alberi. E’ stato immeditamente allertato l’elicottero per il trasporto e sul posto sono subito intervenuti agenti della Polizia di Stato,  Carabinieri,  Forestale e personale del 118, che però non hanno potuto che constatare la morte dello sfortunato sciatore.
A tal proposito, la proloco del Terminillo consiglia a tutti gli sportivi amanti della neve di non avventurarsi in imprudenti fuori pista, vista la pericolosità della neve non battuta.

UNA CORRETTA GESTIONE DEL TERRITORIO

IL TERMINILLO E I MONTI REATINI: UNA CORRETTA GESTIONE DEL TERRITORIO
La promozione di una corretta gestione del territorio e la tutela dell’ambiente, della cultura nonché delle tradizioni montane sono tra i compiti statuari del Club Alpino Italiano. Non a caso il CAI è da sempre stato attivo presso le istituzioni e tra la gente con proposte  basate sull’ analisi delle situazioni locali, delle prospettive future e dei vincoli normativi e regolamentari, nazionali ed europei, che dettano le linee guida in materia di gestione del territorio e di tutela dell’ambiente.

IL TERMINILLO E I MONTI REATINI: UNA CORRETTA GESTIONE DEL TERRITORIO
La promozione di una corretta gestione del territorio e la tutela dell’ambiente, della cultura nonché delle tradizioni montane sono tra i compiti statuari del Club Alpino Italiano. Non a caso il CAI è da sempre stato attivo presso le istituzioni e tra la gente con proposte  basate sull’ analisi delle situazioni locali, delle prospettive future e dei vincoli normativi e regolamentari, nazionali ed europei, che dettano le linee guida in materia di gestione del territorio e di tutela dell’ambiente. L’unica occasione di sviluppo del territorio montano reatino è legata all’ambientale, come peraltro ampiamente sostenuto dalle politiche economiche europee, con ingenti finanziamenti e opportunità che spesso passano inosservate a disattente Amministrazioni locali.
Oggi, invece, i Monti Reatini appaiono paradigma di quella scellerata gestione del territorio e così, per esempio, sovente e di recente, la gestione delle risorse forestali da parte degli enti locali è apparsa pessima, con tagli che spesso scoprono troppo il suolo, ampliando o addirittura ingenerando i rischi legati all’erosione, e  mettendo in seria difficoltà la capacità riproduttiva del bosco stesso.
Ancora: il transito dei mezzi a motore in fuoristrada è del tutto fuori controllo, a dispetto delle  molteplici segnalazioni e denuncie dello stesso CAI. Nella passata stagione tardo invernale il versante Est del Terminilluccio è stato segnato da una ulteriore ferita a causa dello sconsiderato e del tutto arbitrario  transito di mezzi cingolati  (appartenenti ad  una pubblica amministrazione) su terreno poco innevato. Il risultato è  lo scempio di profondo taglio sul manto erboso del crinale, di difficile se non impossibile ripristino.
Decine di km di sentieri, su prati d’altura, in zona protetta dalle disposizioni europee, o tra le secolari faggete della Vallonina, sono  feriti dai profondi solchi scavati da moto enduro e quad che, a dispetto di ogni normativa esistente, continuano impuniti una pratica fuorilegge. Raduni di centinaia di motociclisti vengono periodicamente organizzati, apparentemente autorizzati, nonché incentivati, dalle amministrazioni locali ed il risultato è un transito pressoché quotidiano ininterrotto  di mezzi fuoristrada che dissestano l’intera rete sentieristica montana, per la sicurezza e manutenzione della quale il CAI spende annualmente migliaia di Euro.
E non ultimo l’annoso tema dello sviluppo sciistico che monopolizza l’attenzione come fosse l’unica risorsa possibile e che vede talune Amministrazioni locali prodigarsi nella progettazione di mega comprensori, nell’affannosa ricerca del consenso tecnico, popolare e addirittura ambientalista. Milioni di Euro pubblici sperperati da decenni in eterne progettazioni, quando però i soldi veri che il territorio aspetta, e che l’Unione Europea generosamente elargisce per gli investimenti e i progetti in campo ambientale, vengono rispediti al mittente, per essere verosimilmente investiti per altre Amministrazioni, per altre comunità locali,  in altri territori, forse meno belli, ma sicuramente più virtuosi del nostro.
Arrecare un danno all’ambiente del Terminillo è una colpa grave. Arrecare questo danno sperperando il denaro pubblico è ancora più grave; e, in alcuni casi, un vero e proprio reato, sul quale gli amministratori locali devono aprire gli occhi e sul quale il CAI, per proprio conto, non intende transigere.

Natale a Terminillo

Terminìllù, tuttu biancu,
è un gigante appennecatu
e la nèe l’ha recopertu
co un lenzolu de bucatu.

Istu cèlu de Natale
È una lastra de cristallu,
do’se specchiano le stelle,
margarite de metallu.

Pe lo friddu lu Velinu
Pare bàje più veloce,
smorgattènno come un toru
fa lo fume da le froce.

L’orollòggiu de la tore
mezzanotte batte pianu,
quanno spunta un gran chiarore
lòco, vèrzu Cuntiglianu…

Anche ist’anno è natu,è natu,
lu Bambinu è natu a Grègge!
E renutu pe bedècce,
anche se l’hau biastimatu.

Ma perdonace, o Signore,
de paciènza ce n’ha tanta,
beneìcila de còre
esta pora Valle Santa.

di Franco Stella

Programma Invernale Proloco Terminillo 2012/13

Programma Invernale Proloco Terminillo 2012/13

24-dicembre- FIACCOLATA- all’uscita della messa di mezzanotte verranno distribuite ai bambini stelline pirotecniche (dinanzi Chiesa di S.Francesco)

25-dicembre- BABBO NATALE, sulla slitta con cavalli, in giro per Terminillo distribuisce dolcetti

29-dicembre- CIASPOLATA IN NOTTURNA – dai “3 Faggi” al “Rifugio Cinque Confini”, Polenta e ritorno (anche in sci di fondo). In collaborazione con il C.A.I. di Rieti

30-dicembre- GARA DI BOB  – “La Piccola Baita” – ORE 17,00  (bambini e adulti)

Programma Invernale Proloco Terminillo 2012/13

24-dicembre- FIACCOLATA- all’uscita della messa di mezzanotte verranno distribuite ai bambini stelline pirotecniche (dinanzi Chiesa di S.Francesco)

25-dicembre- BABBO NATALE, sulla slitta con cavalli, in giro per Terminillo distribuisce dolcetti

29-dicembre- CIASPOLATA IN NOTTURNA – dai “3 Faggi” al “Rifugio Cinque Confini”, Polenta e ritorno (anche in sci di fondo). In collaborazione con il C.A.I. di Rieti

30-dicembre- GARA DI BOB  – “La Piccola Baita” – ORE 17,00  (bambini e adulti)

31-dicembre- FIACCOLATA della “SCUOLA SCI TERMINILLO” – Pista “Togo” – arrivo presso “La Piccola Baita”

02-gennaio- CIASPOLATA – dalla Malga al Rifugio Sebastiani – Polentata e ritorno – Raduno presso “Piazzale La  Malga” ORE 10,00 (anche in sci-alpinismo). In collaborazione con il C.A.I. di Rieti

03-gennaio-TOMBOLATA – ORE 17,00 – Presso Parrocchia di S.Francesco).                                                   ORE 18,30 – proiezione film “MESNER”. In collaborazione con il C.A.I. di Rieti.

04-gennaio- MUSICA INSIEME – Ensemble di musica napoletana – ORE 18,30 – presso Parrocchia di S.Francesco

05-gennaio- PRESENTAZIONE LIBRO “Terminillo in bianco e nero” di Luigi Bernardinetti – ORE 17,00

06-gennaio- BEFANA- in giro per Terminillo distribuisce dolcetti…                                                                   ORE 16,30 – VIN BRULE’ – Piazzale Togo (Saluto fine vacanze di Natale)

Dal 29 dicembre- ANIMAZIONE BAMBINI – proiezione cartoni animati – ORE18,00 presso  sede Pro Loco (Pian de Valli)

FEBBRAIO- ciaspolate e sci di fondo – Gara sci-alpinismo

CARNEVALE- GIOVEDì GRASSO – Gimkana in maschera con gli sci                                                           MARTEDì GRASSO – “Trucchi sulla neve” – “Veglione in maschera”

PASQUA-2013- CIASPOLATA – alla ricerca delle orme degli animali “ACERONE”

Si ringrazia per la partecipazione al programma: PROVINCIA DI RIETI – C0MUNE Di RIETI – ASS. TURISMO E SPETTACOLO – FONDAZIONE VARRONE – CARIRI – CAMERA DI COMMERCIO – PARROCCHIA DI S.FRANCESCO – SCUOLA SCI TERMINILLO -C.A.I. DI RIETI  – SOCI PRO LOCO

VERBALE DEL 16 DICEMBRE 2012

VERBALE DEL 16 DICEMBRE 2012

Oggi sedici dicembre duemiladodici, alle ore 10.15, presso gli uffici del Comune di Rieti, siti nel piazzale di Pian de’ Valli in località Monte Terminillo, in seconda convocazione, si è riunita l’assemblea ordinaria degli associati per discutere e deliberare sul seguente ordine del giorno:

VERBALE DEL 16 DICEMBRE 2012

Oggi sedici dicembre duemiladodici, alle ore 10.15, presso gli uffici del Comune di Rieti, siti nel piazzale di Pian de’ Valli in località Monte Terminillo, in seconda convocazione, si è riunita l’assemblea ordinaria degli associati per discutere e deliberare sul seguente ordine del giorno:

1) Approvazione del bilancio di esercizio chiuso al 31.12.2011

2) Nomina di n. quattro consiglieri

3) Nomina di n. due revisori supplenti

4) Nomina di n.  tre probiviri

5) Comunicazioni del Cons. Alvaro Salvatore

6) Coordinatore turistico

7) Varie ed eventuali

Sono presenti i consiglieri Alvaro Salvatore Claudio Zannetti, i revisori Roberto Iacoboni, Andrea Gregori, i soci Luigi Bernardinetti, Mario Faraglia, Cole Anthony, Emanuele Vespaziani e Giovanni Vespaziani. E’ inoltre presente Michele Casadei con sua delega rilasciata al socio Andrea Gregori. Sono pertanto presenti n. dieci soci su n. 50  soci iscritti nel registro dei soci.

Ai sensi della lett. 2 dell’art. 7 e della lett. 3 dell’art. 8 dello statuto sociale, viene eletto Alvaro Salvatore presidente dell’assemblea e Luigi Bernardinetti segretario verbalizzante. Entrambi accettano l’incarico loro conferito.

Con riferimento al primo punto posto all’O. del G. che prevede l’approvazione del bilancio di esercizio chiuso al 31.12.2011, il presidente Salvatore espone le voci in esso contenute fornendo le dovute informazioni sul suo contenuto, e di seguito invita l’ex revisore dei conti Anthony Cole a leggere la relazione formulata dal collegio stesso. Il socio procede nella lettura della relazione e l’assemblea prende atto del suo contenuto. A seguito di ciò si apre un’ampia e dettagliata discussione alla quale partecipano tutti i presenti. Tra l’altro, il socio Giovanni Vespaziani chiede se la Pro Loco  ha debiti nei confronti di coloro che hanno anticipato somme per la gestione e per l’attività della Pro Loco. Il cons. Alvaro Salvatore fornisce le dovute risposte e spiega che la Pro Loco deve restituire la somma di circa € 8.000 (ottomila) ai cons. Alvaro Salvatore e Mario Faraglia. A tale proposito, il socio Giovanni Vespaziani propone di sanare la situazione contabile che riguarda gli anticipi anzidetti, con la collaborazione tecnica dei revisori, e con adeguata relazione attraverso la quale si possa regolarizzare e ripianare il debito della Pro Loco con un piano di rientro apposito. L’assemblea, con il voto contrario del socio Anthony Cole, approva la proposta del socio Vespaziani precisando, tra l’altro, che nella relazione dei revisori è stata utilizzata un terminologia ed una procedura impropria. Di seguito procede alla votazione e con il voto contrario del socio Anthony Cole, l’assemblea approva il bilancio di esercizio chiuso al 31.12.2011.

Con riferimento al secondo punto posto all’ordine del giorno, nomina di quattro consiglieri, il socio Giovanni Vespaziani, in difformità di quanto deliberato nella precedente assemblea del 30/09/2012……… propone di portare il numero dei consiglieri a cinque anziché a sette. L’assemblea approva la proposta e passa alla nomina di altri due membri del Consiglio Direttivo. Dopo breve discussione, con il voto contrario del socio Antony Cole, risultano eletti nuovi consiglieri i soci Giovanni Vespaziani e Mario Faraglia, pertanto il nuovo C. D. della Pro Loco del Terminillo è composto dai seguenti cinque nominativi: Mario Faraglia, Vittorio Rossi, Alvaro Salvatore, Giovanni Vespaziani e Claudio Zannetti.

Con riferimento al terzo punto posto all’ordine del giorno, nomina di due revisori supplenti, dopo breve discussione, e con approvazione unanime, l’assemblea nomina revisori supplenti i soci Michele Casadei e Luigi Bernardinetti, pertanto, il collegio dei revisori del conti è formato dai seguenti cinque membri: Roberto Iacoboni, Luciano Lucarini, Andrea Gregori tutti membri effettivi, Michele Casadei e Luigi Bernardinetti, membri supplenti.

Per quanto riguarda il quarto punto posto all’O. del G. e cioè la nomina dei tre probi viri, lo stesso viene rinviato ad una prossima assemblea.

Con riferimento al quinto punto posto all’ordine del giorno, comunicazioni del cons. Alvaro Salvatore, tali comunicazioni, riguardanti il bilancio di chiusura del 2011, sono già state fatte all’inizio della riunione, pertanto si passa alla discussione del sesto punto posto all’O. del G. che prevede la nomina di un coordinatore turistico.

Il cons. Alvaro Salvatore chiede all’assemblea di prendere in considerazione la possibilità di istituire un coordinatore turistico, come già esistito in precedenza, che possa svolgere azione  di raccordo  con le autorità e le istituzioni politiche e turistiche dei Comuni interessati e della Provincia. Dopo breve discussione alla quale prendono parte tutti i presenti, l’assemblea delibera all’unanimità ed invita le istituzioni locali ad  istituire e nominare la figura del coordinatore turistico suggerendo che sia nominato a tale incarico il cons. Alvaro Salvatore, e raccomandando che tale nomina avvenga entro breve tempo.

Con riferimento al settimo e ultimo punto posto all’O del G. si apre un breve dibattito sul recente stanziamento della Giunta Regionale del Lazio circa i 20 milioni di Euro già in precedenza messi in bilancio per il rinnovo del complesso del Terminillo. La discussione si chiude con l’auspicio che tale importo sia in breve tempo messo a disposizione dei Comuni interessati.

Null’altro essendoci da discutere e deliberare, alle ore 11,20 si scioglie la seduta e si redige il presente verbale che, letto e approvato, è firmato come in calce.

 

 

Il segretario verbalizzante                                                                                 Il Presidente

Luigi Bernardinetti                                                                                       Alvaro Salvatore

Terminillo, soldi e proposte

Terminillo, soldi e proposte
Dalla Regione ok ai fondi per 20 milioni
Gli operatori della stazione chiedono ora il ripristino di tutti i servizi di risalita
RIETI – La giunta regionale ha approvato la delibera per il riparto dei 20 milioni di euro destinati al rilancio degli impianti sciistici del comprensorio del Terminillo. Il provvedimento recepisce il protocollo d’intesa tra la Regione Lazio,la Provincia di Rieti e i comuni di Rieti, Leonessa, Micigliano, Cittareale e Cantalice. «L’approvazione da parte della giunta regionale della delibera per il Terminillo corona, seppur con molte settimane di ritardo, oltre due anni di lavoro, improntato sullo sviluppo e l’ammodernamento della montagna laziale».

Terminillo, soldi e proposte
Dalla Regione ok ai fondi per 20 milioni
Gli operatori della stazione chiedono ora il ripristino di tutti i servizi di risalita
RIETI – La giunta regionale ha approvato la delibera per il riparto dei 20 milioni di euro destinati al rilancio degli impianti sciistici del comprensorio del Terminillo. Il provvedimento recepisce il protocollo d’intesa tra la Regione Lazio,la Provincia di Rieti e i comuni di Rieti, Leonessa, Micigliano, Cittareale e Cantalice. «L’approvazione da parte della giunta regionale della delibera per il Terminillo corona, seppur con molte settimane di ritardo, oltre due anni di lavoro, improntato sullo sviluppo e l’ammodernamento della montagna laziale». E’ quanto afferma l’assessore regionale alla Mobilità, Francesco Lollobrigida. Ora sono fondamentali i primi interventi. «Per riportare i turisti – spiega Simone Munalli, maestro di sci e consigliere comunale di Rieti delegato ai problemi della montagna – è fondamentale riaprire tutti gli impianti. Oggi, sono attivi quattro, cinque: riattivati tutti, l’offerta sale di livello».