CONSORZIO DEL TERMINILLO

NASCE IL CONSORZIO PER IL RILANCIO DEL TERMINILLO
Si è tenuto oggi in Comune un incontro tra i sindaci di Rieti, Cantalice, Leonessa e Micigliano sul tema del rilancio del comprensorio del Monte Terminillo.
Per il Comune di Rieti, oltre al Sindaco Simone Petrangeli, erano presenti anche l’Assessore all’Urbanistica, Andrea Cecilia, e il Consigliere comunale Simone Munalli, per il Comune di Cantalice, l’Assessore al Bilancio Fabio Patacchiola, per Leonessa, il Sindaco Paolo Trancassini, e per Micigliano il consigliere Loris Casadei.

NASCE IL CONSORZIO PER IL RILANCIO DEL TERMINILLO
Si è tenuto oggi in Comune un incontro tra i sindaci di Rieti, Cantalice, Leonessa e Micigliano sul tema del rilancio del comprensorio del Monte Terminillo.
Per il Comune di Rieti, oltre al Sindaco Simone Petrangeli, erano presenti anche l’Assessore all’Urbanistica, Andrea Cecilia, e il Consigliere comunale Simone Munalli, per il Comune di Cantalice, l’Assessore al Bilancio Fabio Patacchiola, per Leonessa, il Sindaco Paolo Trancassini, e per Micigliano il consigliere Loris Casadei. I rappresentanti dei Comuni, all’unanimità, hanno deciso di proseguire il percorso avviato in occasione degli incontri avvenuti nei mesi scorsi in Provincia dando vita a un Consorzio che, d’ora in poi, si occuperà della gestione del comprensorio del Terminillo e delle risorse destinate al suo rilancio. Il Consorzio avrà sede a Terminillo, all’interno dei locali che il Comune metterà a disposizione, e sarà aperto alle adesioni di altri Enti territoriali, prima fra tutti l’Amministrazione provinciale.
“Finalmente si superano i campanilismi e i veti incrociati del passato. Con questa iniziativa – dichiara il Sindaco Petrangeli – abbiamo posto le basi per iniziare a lavorare seriamente sul Terminillo. Il Consorzio rappresenterà tutti e quattro i Comuni e intraprenderà tutte le azioni che nei prossimi anni porteranno ad avviare un percorso di rilancio della nostra montagna”.

Mostra fotografica sul Terminillo

GRANDE SUCCESSO DELLA MOSTRA FOTOGRAFICA DEL TERMINILLO.
Si è conclusa la mostra fotografica del Terminillo allestita da Luigi Bernardinetti.
Nei locali del Palazzo del Turismo di Terminillo, patrocinata dalla locale Pro Loco, il due settembre si è conclusa la strepitosa esposizione di 285 immagini che hanno testimoniato la nascita e lo sviluppo della Montagna di Roma.
Luigi Bernardinetti, non nuovo a questo tipo di eventi, questa volta ha toccato il cuore dei terminillesi, ed ha fatto vibrare le corde dell’emozione di ogni visitatore della sua fototeca.
In oltre due settimane, sono stati rilasciati centinaia di  entusiastici commenti nelle 840 firme di presenza depositate nel registro dei visitatori. Oltre una cospicua presenza di turisti, calcolata in circa duemila persone, ha continuato a visitare la mostra fotografica e tutti hanno esortato lo storico reatino Luigi Bernardinetti  a mantenere e maggiormente propagandare tale prezioso materiale. Taluni sono tornati a visitare la fototeca più volte, sia da soli, sia in compagnia di parenti ed amici ai quali era stato raccomandato di visitare le belle immagini. 

GRANDE SUCCESSO DELLA MOSTRA FOTOGRAFICA DEL TERMINILLO.
Si è conclusa la mostra fotografica del Terminillo allestita da Luigi Bernardinetti.
Nei locali del Palazzo del Turismo di Terminillo, patrocinata dalla locale Pro Loco, il due settembre si è conclusa la strepitosa esposizione di 285 immagini che hanno testimoniato la nascita e lo sviluppo della Montagna di Roma.
Luigi Bernardinetti, non nuovo a questo tipo di eventi, questa volta ha toccato il cuore dei terminillesi, ed ha fatto vibrare le corde dell’emozione di ogni visitatore della sua fototeca.
In oltre due settimane, sono stati rilasciati centinaia di  entusiastici commenti nelle 840 firme di presenza depositate nel registro dei visitatori. Oltre una cospicua presenza di turisti, calcolata in circa duemila persone, ha continuato a visitare la mostra fotografica e tutti hanno esortato lo storico reatino Luigi Bernardinetti  a mantenere e maggiormente propagandare tale prezioso materiale. Taluni sono tornati a visitare la fototeca più volte, sia da soli, sia in compagnia di parenti ed amici ai quali era stato raccomandato di visitare le belle immagini.  Le fotografie che hanno riscosso maggiore attenzione, sono state quelle dell’ex Capanna Trebbiani, esistente accanto all’allora Albergo Cavallino Bianco attualmente in fase di ristrutturazione, quelle della Valletta nella sua completa estensione, quelle della costruzione della chiesa di san Francesco voluta e realizzata da Padre Riziero Lanfaloni, quelle dell’Hotel Savoia e dell’Hotel Roma, anch’essi trasformati in altre strutture, quelle che ricordano il Capo del Governo Benito Mussolini e del suo seguito, quelle del maestro di sci Edgardo Camosi e di tanti suoi colleghi che hanno caratterizzato la stazione turistica negli anni centrali del scorso secolo, fra i quali Leandro Acciai, Giuseppe Battisti e Livio Zamboni, quelle di Willy Acherer e della famiglia Ferriani, e quelle dei vari altri personaggi dello sport, dello spettacolo e del turismo che nel periodo trascorso hanno contribuito a creare la storia e la fama della nostra stazione turistica.
Durante l’apertura della mostra si è constatato, a livello statistico, che i turisti ternani sono stati i più numerosi, seguiti dai romani e dai reatini, soprattutto quelli abitanti nelle zone pedemontane del Terminillo. Si è avuto modo di sentire anche molte lingue diverse dall’italiano o dalle lingue europee, quali il giapponese e il russo che commentavano la mostra ed il suo contenuto. Scarsa la presenza degli stessi Terminillesi, che questa volta sono giustificati per le loro attività che in questo periodo hanno svolto a favore dei tanti turisti presenti. Alcuni terminillesi, fra i quali  Franco Ferriani, Mario Faraglia e Cinzia Picchiottini, hanno comunque voluto dimostrare l’entusiasmo per la mostra, apportando in un secondo momento altro materiale fotografico della stazione turistica.
Moltissime autorità politiche, civili e militari, hanno visitato la mostra tra le quali gli assessori regionali Gabriella Sentinelli e Fabio Altieri, il sindaco di Rieti Simone Petrangeli con l’ass. comunale al turismo Diego Di Paolo e con il cons. comunale Simone Munalli, il direttore generale della ASL di Rieti Rodolfo Gianani con il prof. Serafino D’Orazi, primario del reparto di Cardiologia dell’Ospedale S. Camillo De Lellis di Rieti, Il prof. Giuliano Ciappi primario dell’Ospedale Gemelli di Roma nonché presidente dell’associazione Anemos Onlus ed il presidente del CAI di Rieti Fabio Desideri, il comandante dei Vigili Urbani di Rieti Enrico Aragona, ed il comandante del distretto dell’Aeronautica Militare Ten. Col. Salvatore Urano, il comandante dei Carabinieri del Terminillo M.llo Matteo Del Din, ed, il sindaco di Micigliano Francesco Nasponi, l’ass. prov.le Michele Beccarini, i cons. prov.li Giosuè Calabrese e Domenico Scacchi ed altri esponenti della Provincia e del Comune di Rieti. Anche il. parroco della chiesa di S. Francesco Padre Mariano, ed il suo vice, padre Luca, hanno espresso la loro ammirazione per le opere esposte. Sono stati notati inoltre molti professionisti e docenti universitari che hanno anche loro favorevolmente commentato l’iniziativa ed hanno tutti manifestato un sincero apprezzamento per Luigi Bernardinetti, che è stato sempre presente alla manifestazione.
Il 20 agosto scorso, negli stessi ambienti, la mostra ha fatto da cornice all’interessante convegno “Terminillo non solo neve: la montagna come esperienza terapeutica”, anch’esso sostenuto dalla Pro Loco del Terminillo e coordinato dalla dr.ssa Isabella Marchese, specialista cardiologo presso l’Unità Coronarica del reparto di Cardiologia  dell’Ospedale S. Camillo De Lellis di Rieti. Il monte Terminillo, dunque, come centro ideale per la riabilitazione cardiologica da utilizzare, anche e soprattutto, per uno specifico “turismo sanitario” con risvolti positivi e significativi in termini economici e di promozione del territorio.

Un investimento di 20 milioni

Terminillo, un investimento di 20 milioni per il rilancio del comprensorio
Il Piano di interventi per l’ampliamento degli impianti sciistici del Monte Terminillo, messo a punto dai Comuni di Leonessa, Micigliano, Cantalice, Rieti e Cittareale col coordinamento dell’amministrazione provinciale è stato approvato all’unanimità dall’apposita commissione regionale, con l’obiettivo di rilanciare entro il 2014 l’attività sciistica del Terminillo e di Cittareale.
Nel dettaglio i comuni di Leonessa e Micigliano beneficeranno ciascuno di 6 milioni e 350 mila euro, a Cantalice andranno 3 milioni e 200 mila euro, a Rieti 2 milioni e 300 mila euro, a Cittareale 1 milione 380 mila euro, alla Provincia di Rieti 250 mila euro.

Terminillo, un investimento di 20 milioni per il rilancio del comprensorio
Il Piano di interventi per l’ampliamento degli impianti sciistici del Monte Terminillo, messo a punto dai Comuni di Leonessa, Micigliano, Cantalice, Rieti e Cittareale col coordinamento dell’amministrazione provinciale è stato approvato all’unanimità dall’apposita commissione regionale, con l’obiettivo di rilanciare entro il 2014 l’attività sciistica del Terminillo e di Cittareale.
Nel dettaglio i comuni di Leonessa e Micigliano beneficeranno ciascuno di 6 milioni e 350 mila euro, a Cantalice andranno 3 milioni e 200 mila euro, a Rieti 2 milioni e 300 mila euro, a Cittareale 1 milione 380 mila euro, alla Provincia di Rieti 250 mila euro. A Leonessa è previsto il rifacimento della seggiovia di arroccamento di Campostella, un nuovo tapis roulant a servizio della scuola di sci e la sostituzione della vecchia cestovia per Monte Tilia con una cabinovia.
Nel comune di Micigliano si provvederà a sostituire la sciovia Est-Osservatorio con una seggiovia, la seggiovia monoposto per il Conetto con una seggiovia biposto Rialto-Terminilletto e a sostituire la vecchia sciovia del rifugio Sebastiani con una seggiovia per la Sella di Leonessa.
Cantalice avrà 3 milioni e 200 mila euro, che verranno impiegati per la seggiovia Campostella-Vallorgano e per la seggiova Monte Tilia-Acqua Santa.
A Rieti andranno 2.299.000 euro che la nuova giunta ha scelto di utilizzare per la bonifica delle piste esistenti, il completamento della palestra del campo d’altura da mettere a servizio delle piste da fondo di Cinque Confini e per potenziare il sistema di innevamento artificiale.
Fondi anche per Cittareale, che con 1.379.000 euro trasformerà in seggiovia la sciovia San Venanzio.
La provincia utilizzerà invece i finanziamenti assegnati per coordinare il programma di sviluppo del comprensorio nel suo complesso.
Negli ultimi decenni il kilometraggio delle piste da sci laziali è passato dai 100 km degli anni 80 fino ai 35 km attuali. Con le decisioni della regione Lazio di questi giorni sembra finalmente arrivato il momento del rilancio della montagna di Roma, che sarà presto in grado di competere con i più rinomati centri dell’Appennino.

tratto da: http://www.neveitalia.it

Terminillo, approvata la ripartizione

Terminillo, approvata la ripartizione dei 20 milioni di euro della Regione
Ora la Giunta predisporrà la delibera che assegnerà i fondi
«Questa mattina è giunta finalmente a conclusione una vicenda di notevole importanza per il futuro del nostro territorio. Alla presenza dell’assessore ai Trasporti della Regione Lazio, Francesco Lollobrigida, la Commissione per l’attuazione del Protocollo d’intesa per il rilancio dell’attività sciistica del comprensorio del Terminillo ha approvato la ripartizione finanziaria dei 20 milioni di euro sulla base della quale la Regione Lazio predisporrà la delibera di Giunta che assegnerà i fondi». Ad annunciarlo è il presidente della Provincia di Rieti, Fabio Melilli.

Terminillo, approvata la ripartizione dei 20 milioni di euro della Regione
Ora la Giunta predisporrà la delibera che assegnerà i fondi
«Questa mattina è giunta finalmente a conclusione una vicenda di notevole importanza per il futuro del nostro territorio. Alla presenza dell’assessore ai Trasporti della Regione Lazio, Francesco Lollobrigida, la Commissione per l’attuazione del Protocollo d’intesa per il rilancio dell’attività sciistica del comprensorio del Terminillo ha approvato la ripartizione finanziaria dei 20 milioni di euro sulla base della quale la Regione Lazio predisporrà la delibera di Giunta che assegnerà i fondi». Ad annunciarlo è il presidente della Provincia di Rieti, Fabio Melilli. «A breve potranno partire i primi lavori necessari a creare le condizioni di sviluppo e il tanto atteso rilancio del Terminillo. Un risultato reso possibile dalla disponibilità della Regione e dal senso di responsabilità dimostrato dagli amministratori dei Comuni di Rieti, Leonessa, Cantalice, Cittareale e Micigliano insieme ai quali siamo riusciti a raggiungere un accordo storico che mi auguro sia solo il punto di partenza di un percorso che faccia tornare ad essere la montagna reatina la metà sciistica preferita non solo dagli amanti della montagna romani – conclude – ma dagli appassionati provenienti da tutta Italia».
Questa la suddivisione dei fondi stanziati: Provincia di Rieti – € 230.000; Comune di Leonessa – € 6.437.000; Comune di Micigliano – € 6.437.000; Comune di Cantalice – € 3.218.000; Comune di Rieti – € 2.299.000; Comune di Cittareale – € 1.379.000.