Al via la campagna di comunicazione

Al via la campagna di comunicazione per il rilancio del Terminillo tra neve, trekking e itinerari di storia

Far conoscere al pubblico le bellezze e le tante opportunità turistiche offerte dal Terminillo e dal suo territorio nell’intero arco dell’anno, tra neve, trekking e itinerari culturali e religiosi. È questo il cuore della campagna di comunicazione “Terminillo. Aperto per vacanze”, voluta dall’Assessorato al Turismo della Regione Lazio e progettata dall’Agenzia Regionale di Promozione Turistica di Roma e del Lazio, che è stata presentata questa mattina presso l’Enoteca Regionale di via Frattina a Roma. La campagna di comunicazione, programmata da giugno 2009 al giugno 2011, sarà veicolata attraverso affissioni (manifesti, spazi parapedonali, su bus e metro di Roma), stampa periodica, radio-tv e con un video in animazione grafica presso le stazioni delle metropolitana di Roma.

Al via la campagna di comunicazione per il rilancio del Terminillo tra neve, trekking e itinerari di storia

Far conoscere al pubblico le bellezze e le tante opportunità turistiche offerte dal Terminillo e dal suo territorio nell’intero arco dell’anno, tra neve, trekking e itinerari culturali e religiosi. È questo il cuore della campagna di comunicazione “Terminillo. Aperto per vacanze”, voluta dall’Assessorato al Turismo della Regione Lazio e progettata dall’Agenzia Regionale di Promozione Turistica di Roma e del Lazio, che è stata presentata questa mattina presso l’Enoteca Regionale di via Frattina a Roma. La campagna di comunicazione, programmata da giugno 2009 al giugno 2011, sarà veicolata attraverso affissioni (manifesti, spazi parapedonali, su bus e metro di Roma), stampa periodica, radio-tv e con un video in animazione grafica presso le stazioni delle metropolitana di Roma. Previsti anche dei banner da veicolare su alcuni dei principali portali web italiani di informazione, nelle sezioni dedicate al turismo e al tempo libero. Per promuovere il rilancio del comprensorio turistico del Terminillo si punterà, inoltre, sull’offerta turistica complessiva, a partire da quella attuale, per poi valorizzare gli interventi programmati dalla Provincia di Rieti con il progetto Terminillo Superski col sostegno della Regione Lazio (realizzazione di 13 nuovi impianti di risalita sulle piste da sci, qualificazione del Cammino di Francesco, costruzione di piste ciclabili e risistemazione degli itinerari di trekking). A questo fine la campagna prevede l’organizzazione di “educational tour” rivolti a tour operator del mercato europeo – che saranno organizzati in collaborazione con Enit – per presentare in maniera diretta gli itinerari, l’offerta e le potenzialità di crescita turistica del territorio. In contemporanea, è prevista l’organizzazione di workshop dedicato all’incontro fra operatori della domanda e dell’offerta, mentre per le azioni strettamente legate alla promozione internazionale degli itinerari religiosi il primo appuntamento in agenda è il road show sui Cammini di Fede in programma nel Nord della Spagna (le tappe: 16 giugno prossimo a Santiago De Compostela, 17 giugno a Leon, 18 giugno a Pamplona), nel corso del quale la Regione Lazio presenterà l’offerta relativa al Cammino di Francesco. “Una iniziativa importante – sottolinea il presidente della Provincia di Rieti, Fabio Melilli – che conferma l’interesse della Regione Lazio per il progetto di rilancio del Terminillo. L’Amministrazione provinciale di Rieti è pronta a lanciare una grande manifestazione d’interesse rivolta agli investitori nazionali e internazionali per passare alla fase attuativa del progetto per il potenziamento degli impianti sciistici”. “Si tratta di una campagna rivolta innanzitutto alla Capitale e al pubblico del Lazio, che mira a rilanciare il turismo sul Terminillo invitando alla riscoperta della ”Montagna di Roma”. L’obiettivo – ha spiegato l’assessore al Turismo della Regione Lazio, Claudio Mancini – è promuovere l’offerta turistica attuale e valorizzare al meglio gli investimenti che la Regione sta facendo su quel territorio, in una prospettiva di crescita in cui la promozione accompagnerà in maniera strategica la realizzazione degli interventi strutturali programmati, a cominciare da quelli per il potenziamento degli impianti sciistici. Negli anni ’70 le presenze turistiche al Terminillo erano circa 60.000 all’anno, adesso siamo solo a 10.000: l’obiettivo di questa campagna è quindi quello di invertire questa tendenza. Sosterremo inoltre quelle imprese che vorranno aprire delle nuove attività di ricezione turistica con le risorse previste nel fondo di sostegno alle imprese turistiche. Punteremo infine anche sul turismo scolastico”. Il vicepresidente della Provincia di Rieti, Roberto Giocondi, ha evidenziato come “dopo trent’anni di crisi, il Terminillo tornerà ad avere un ruolo di primo piano nel sistema turistico del Lazio, anche grazie a questa campagna di promozione che trova ragion d’essere negli interventi programmati dalla Provincia di Rieti. Un programma che, attraverso il finanziamento regionale di 20 milioni, porterà alla creazione di uno dei più grandi comprensori sciistici degli Appennini”. ”Finalmente la Regione Lazio, insieme alla Provincia di Rieti, rilancia il Terminillo, con tutto ciò che questo significa per la promozione complessiva del territorio di Rieti. Qualche settimana fa – ha ricordato il consigliere regionale, Mario Perilli – l’assessore Mancini ebbe a dire che Terminillo, insieme agli Itinerari di Fede, sarebbe stato uno degli attrattori turistici regionali. Questo è un fatto straordinariamente positivo e l’iniziativa presentata oggi va nella giusta direzione”. “Questa campagna – ha sottolineato il presidente di ATLazio, Federica Alatri – vuole promuovere in modo mirato un’offerta variegata, in grado di far conoscere sia i segmenti turistici consolidati, come quello culturale e quello religioso, che i nuovi turismi, a partire da quelli che nascono sulle opportunità legate agli sport all’aria aperta e alla natura. L’obiettivo è valorizzare al massimo tutte le potenzialità del territorio reatino, anche attraverso una nuova immagine, che sappia puntare sul patrimonio ambientale, sulle piste da sci e gli itinerari di trekking, così come sugli itinerari storico-religiosi, i santuari e le abbazie, la città di Rieti, ma anche sulle tante feste e manifestazioni tradizionali. Una terra ricchissima di opportunità, che ora può cogliere una grande occasione per rafforzare l’organizzazione della sua offerta turistica”.
Rieti, 19 maggio 2009

Terminillo aperto per vacanze

Terminillo aperto per vacanze. Dalla Regione 500mila euro per promozione turistica

19/05/09 – Far conoscere al pubblico le bellezze e le tante opportunità turistiche offerte dal Terminillo e dal suo territorio nell’intero arco dell’anno, tra neve, trekking e itinerari culturali e religiosi. È questo il cuore della campagna di comunicazione “Terminillo. Aperto per vacanze”, voluta dall’Assessorato al Turismo della Regione Lazio e progettata dall’Agenzia Regionale di Promozione Turistica di Roma e del Lazio, che è stata presentata questa mattina presso l’Enoteca Regionale di via Frattina.

Terminillo aperto per vacanze. Dalla Regione 500mila euro per promozione turistica

19/05/09 – Far conoscere al pubblico le bellezze e le tante opportunità turistiche offerte dal Terminillo e dal suo territorio nell’intero arco dell’anno, tra neve, trekking e itinerari culturali e religiosi. È questo il cuore della campagna di comunicazione “Terminillo. Aperto per vacanze”, voluta dall’Assessorato al Turismo della Regione Lazio e progettata dall’Agenzia Regionale di Promozione Turistica di Roma e del Lazio, che è stata presentata questa mattina presso l’Enoteca Regionale di via Frattina. “Si tratta di una campagna rivolta innanzitutto alla Capitale e al pubblico del Lazio, con un investimento di 500mila euro su due anni, che mira a rilanciare il turismo sul Terminillo invitando alla riscoperta della ‘Montagna di Roma’. L’obiettivo – ha spiegato l’assessore al Turismo della Regione Lazio, Claudio Mancini – è promuovere l’offerta turistica attuale e valorizzare al meglio gli investimenti che la Regione sta facendo su quel territorio, in una prospettiva di crescita in cui la promozione accompagnerà in maniera strategica la realizzazione degli interventi strutturali programmati, a cominciare da quelli per il potenziamento degli impianti sciistici. Negli anni ’70 le presenze turistiche al Terminillo erano circa 60.000 all’anno, adesso siamo solo a 10.000: l’obiettivo di questa campagna è quindi quello di invertire questa tendenza. Sosterremo inoltre quelle imprese che vorranno aprire delle nuove attività di ricezione turistica con le risorse previste nel fondo di sostegno alle imprese turistiche. Punteremo infine anche sul turismo scolastico”.
Il vicepresidente della Provincia di Rieti, Roberto Giocondi, ha evidenziato come “dopo trent’anni di crisi, il Terminillo tornerà ad avere un ruolo di primo piano nel sistema turistico del Lazio, anche grazie a questa campagna di promozione che trova ragion d’essere negli interventi programmati dalla Provincia di Rieti. Un programma che, attraverso il finanziamento regionale di 20 milioni, porterà alla creazione di uno dei più grandi comprensori sciistici degli Appennini”.

“Finalmente la Regione Lazio, insieme alla Provincia di Rieti, rilancia il Terminillo, con tutto ciò che questo significa per la promozione complessiva del territorio di Rieti. Qualche settimana fa – ha ricordato il consigliere regionale del Lazio, Mario Perilli – l’assessore Mancini ebbe a dire che Terminillo, insieme agli Itinerari di Fede, sarebbe stato uno degli attrattori turistici regionali. Questo è un fatto straordinariamente positivo e l’iniziativa presentata oggi va nella giusta direzione”.
“Questa campagna – ha sottolineato il presidente di ATLazio, Federica Alatri – vuole promuovere in modo mirato un’offerta variegata, in grado di far conoscere sia i segmenti turistici consolidati, come quello culturale e quello religioso, che i nuovi turismi, a partire da quelli che nascono sulle opportunità legate agli sport all’aria aperta e alla natura. L’obiettivo è valorizzare al massimo tutte le potenzialità del territorio reatino, anche attraverso una nuova immagine, che sappia puntare sul patrimonio ambientale, sulle piste da sci e gli itinerari di trekking, così come sugli itinerari storico-religiosi, i santuari e le abbazie, la città di Rieti, ma anche sulle tante feste e manifestazioni tradizionali. Una terra ricchissima di opportunità, che ora può cogliere una grande occasione per rafforzare l’organizzazione della sua offerta turistica”.

La campagna di comunicazione, “Terminillo. Aperto per vacanze”, programmata da giugno 2009 al giugno 2011, sarà veicolata attraverso affissioni (manifesti, spazi parapedonali, su bus e metro di Roma), stampa periodica, radio-tv e con un video in animazione grafica presso le stazioni delle metropolitana di Roma. Previsti anche dei banner da veicolare su alcuni dei principali portali web italiani di informazione, nelle sezioni dedicate al turismo e al tempo libero.
Per promuovere il rilancio del comprensorio turistico del Terminillo si punterà sull’offerta turistica complessiva, a partire da quella attuale, per poi valorizzare gli interventi programmati dalla Provincia di Rieti col sostegno della Regione Lazio (realizzazione di 13 nuovi impianti di risalita sulle piste da sci, qualificazione del Cammino di Francesco, costruzione di piste ciclabili e risistemazione degli itinerari di trekking). A questo fine la campagna prevede l’organizzazione di “educational tour” rivolti a tour operator del mercato europeo – che saranno organizzati in collaborazione con Enit – per presentare in maniera diretta gli itinerari, l’offerta e le potenzialità di crescita turistica del territorio. In contemporanea, è prevista l’organizzazione di workshop dedicato all’incontro fra operatori della domanda e dell’offerta, mentre per le azioni strettamente legate alla promozione internazionale degli itinerari religiosi il primo appuntamento in agenda è il road show sui Cammini di Fede in programma nel Nord della Spagna (le tappe: 16 giugno prossimo a Santiago De Compostela, 17 giugno a Leon, 18 giugno a Pamplona), nel corso del quale la Regione Lazio presenterà l’offerta relativa al Cammino di Francesco nella Valle Reatina.

Ampliati gli impianti sciistici

Ampliati gli impianti sciistici del Monte Terminillo e Cittareale

04/05/09 – Ampliamento e potenziamento degli impianti e rispetto delle zone a maggiore valenza ambientale. Questo il percorso tracciato dalle linee guida approvate dalla Giunta Regionale del Lazio necessarie per sbloccare un finanziamento di 20 milioni di euro finalizzato a supportare il programma degli interventi per la ristrutturazione e l’ampliamento degli impianti sciistici del comprensorio sciistico del Monte Terminillo e Cittareale presentato dall’amministrazione provinciale di Rieti.

Ampliati gli impianti sciistici del Monte Terminillo e Cittareale

04/05/09 – Ampliamento e potenziamento degli impianti e rispetto delle zone a maggiore valenza ambientale. Questo il percorso tracciato dalle linee guida approvate dalla Giunta Regionale del Lazio necessarie per sbloccare un finanziamento di 20 milioni di euro finalizzato a supportare il programma degli interventi per la ristrutturazione e l’ampliamento degli impianti sciistici del comprensorio sciistico del Monte Terminillo e Cittareale presentato dall’amministrazione provinciale di Rieti. Il programma presentato dalla Provincia di Rieti prevede: il collegamento funzionale Cantalice-Leonessa; il rafforzamento della stazione sciistica di Leonessa; la valorizzazione dell’attuale sistema sciistico sul versante reatino; il potenziamento della stazione sciistica di Cittareale. Le linee guida sono improntate a criteri di salvaguardia e conservazione dei valori ecologici, paesaggistici e ambientali del complesso del Monte Terminillo. Proprio in ragione della delicatezza e della complessità della situazione ambientale si è lavorato per garantire la salvaguardia dei siti di maggiore interesse e nello stesso tempo per non fermare il rilancio di una stazione sciistica che ha un rilievo strategico per tutta la regione.

“Dopo 30 anni di oblio – hanno dichiarato il presidente della Provincia di Rieti, Fabio Melilli, e il vicepresidente Roberto Giocondi, presentando i contenuti del piano – il Terminillo tornerà a rivestire un ruolo da protagonista nel panorama turistico italiano. L’abbandono dei decenni scorsi e la riduzione al minimo delle strutture ricettive hanno drammaticamente ridimensionato la forza della nostra stazione sciistica che ora potrà tornare ad attrarre turisti, d’estate e di inverno, non solo dalla capitale ma da tutto il paese. Al termine di un lungo percorso di verifica e confronto, teso a trovare il migliore equilibrio tra sviluppo turistico e valorizzazione ambientale, il Piano del Terminillo – hanno concluso – elaborato dalla Provincia di Rieti è stato accolto dalla Regione Lazio che ha approvato le sue linee guida per l’immediata esecutività e lo ha finanziato con 20 milioni di euro, sostenendo così la realizzazione degli interventi previsti”.

Il progetto Terminillo Superski prevede la realizzazione di 13 nuovi impianti di risalita che serviranno circa 36 chilometri di nuove piste con diversi gradi di difficoltà. Nel complesso, quindi, il futuro Terminillo si svilupperà su 42 chilometri di piste, distribuite sui territori comunali di Rieti, Micigliano, Cantalice e Leonessa, a fronte degli odierni 6 chilometri e di soli 4 impianti. Cinque saranno gli accessi: Pian de’ Valli, Erba Pulita, Rifugio Castiglioni, Fonte della Pietra e Fonte Nova. Il progetto prevede poi un sistema per il collegamento tra il versante del Cardito e quello di Campo Stella, con una funivia monocabina a doppia fune. In questo modo si darà un forte impulso allo sviluppo del turismo invernale per tutto il territorio interessato ma allo stesso tempo verranno salvaguardate quelle zone di particolare pregio ambientale, protette dalle normative della Comunità europea, che hanno reso lungo e non sempre agevole il percorso che ha portato all’approvazione del piano. Insieme all’ampliamento del bacino sciistico infatti nascerà il Parco del Terminillo destinato a diventare uno dei luoghi protetti più affascinanti della nostra regione. Un modello di sviluppo che pone la massima attenzione anche alla valorizzazione delle capacità ricettive dei paesi pedemontani (Cantalice, Leonessa, Micigliano, Cittaducale e Rieti) che godranno dell’indotto economico favorito dal rilancio dei complessi sciistici reatini.

Un aspetto non secondario, inoltre, è la parte del Piano riguardante la valorizzazione del comprensorio sciistico di Selvarotonda di Cittareale di particolare pregevolezza per il contesto ambientale in cui sorgono gli impianti. In questa stazione verranno potenziati i sistemi di risalita, 5 quelli previsti, con circa 9 chilometri di piste.